Arriva il consenso digitale per informare il paziente

CHIOGGIA. Addio ai fogli per il consenso informato. La Cardiologia di Chioggia, prima in Italia, ha varato il consenso digitale mostrando al paziente tramite un filmato in cosa consisterà l’esame o l’...

CHIOGGIA. Addio ai fogli per il consenso informato. La Cardiologia di Chioggia, prima in Italia, ha varato il consenso digitale mostrando al paziente tramite un filmato in cosa consisterà l’esame o l’operazione a cui sottoporsi in modo che possa rendersi conto di quello a cui andrà incontro. Per il consenso non si userà la firma usuale, ma un video selfie.

Il progetto, elaborato dal primario di Cardiologia Roberto Valle e dal responsabile di Emodinamica Gabriele Boscolo, è stato finanziato dall’associazione Cuore Amico. La nuova pratica segna una tappa importante nella regolamentazione dei rapporti tra medico e paziente e permetterà di ridurre il numero di cause intentate perché l’utente spesso non coglie nella lettura del consenso informato tutti i rischi. «È una piccola rivoluzione nei rapporti col paziente», spiegano Valle e Boscolo, «lo abbiamo introdotto noi, ma lo esporteremo ad altri realtà sanitarie. Fino ad oggi prima che un paziente venisse sottoposto a un intervento, ad esempio di angioplastica, veniva informato verbalmente sui rischi dell’indagine che poi poteva approfondire leggendo il modulo cartaceo. Sfortunatamente spesso il paziente è sofferente, anziano, con basso livello di scolarità, talora in preda all’ansia e, anche con la massima professionalità, capita alla prova dei fatti che il livello di comprensione sia limitato».

Proprio l’insufficiente informazione e la mancata comprensione sono le principali cause dei contenziosi medico-legali. Il video consenso mostra in maniera chiara e semplificata le principali dieci procedure cardiologiche fugando qualsiasi dubbio e permettendo al paziente di vedere con i suoi occhi cosa gli capiterà.

Elisabetta Boscolo Anzoletti

Video del giorno

Terremoto in Grecia, il momento della scossa a Creta: le persone fuggono dagli edifici

Granola fatta in casa

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi