Dentro al cuore per vincere l’aritmia: intervento all’Angelo e diretta al Rama

Mentre il dottor Sakis Themistoclakis eseguiva un difficile intervento con le microcamere all'interno del ventricolo del paziente altri cardiologi seguivano e discutevano l'operazione

MESTRE. L’équipe del dottor Themistoclakis in sala operatoria, trenta altri cardiologi clinici al Rama, a seguire l’intervento in video diretta, fin dentro il cuore del paziente. E mentre interveniva con una procedura di “ablazione transcatetere”, operando all’interno del Laboratorio di Elettrofisiologia dell’ospedale dell’Angelo, il dottor Sakis Themistoclakis dialogava con i colleghi riuniti nell’Auditorium, a poche centinaia di metri dall’Ospedale, ed illustrava ogni passaggio dell’intervento. Sullo schermo, le immagini della procedura, e anche quelle prese in diretta dalle microcamere che, attraverso una puntura venosa, erano arrivate fino al cuore per permettere all'elettrofisiologo di portare a termine il proprio lavoro. Dalla sala del Rama, nei passaggi cruciali, le domande dei colleghi, a cui il dottor Themistoclakis ha risposto continuando ad operare.

Il dottor Sakis Themistoclakis durante l'intervento


“Abbiamo presentato ad un ristretto gruppo di specialisti – spiega il direttore generale dell’Asl 12 Giuseppe Dal Ben – una procedura interventistica praticata con successo all’ospedale dell’Angelo, quella cioè dell‘ablazione trans-catetere’. Con un continuo affinamento della propria professionalità, i nostri elettrofisiologi sono oggi in grado di introdurre dei cateteri all’interno del cuore, per andare a sconfiggere l’aritmia cardiaca intervenendo proprio là dove l’aritmia nasce e si sostiene. L’Unità di Elettrofisiologia ed Elettrostimolazione del dottor Themistoclakis è un centro di riferimento nell’esecuzione di tale procedura, affiliata al Centro di Austin nel Texas, con cui dialoga costantemente affinando il trattamento”.

I cardiologi assistono all'intervento in teleconferenza


Alla altissima tecnologia messa in campo per effettuare questi interventi si è sommata oggi un’altra tecnologia, quella cioè che ha permesso di trasferire in diretta ogni fase dell’intervento di ablazione fino agli schermi del Padiglione Rama. Il collegamento, di particolare interesse, ha costituito il momento chiave del corso sulla fibrillazione atriale organizzato dall’Asl 12 Veneziana: “Eventi come quello odierno – conclude il direttore generale Giuseppe Dal Ben – promuovono tecniche e innovazioni che cambiano la vita di ciascuno di noi. La fibrillazione atriale, che oggi a Mestre si cura con questa altissima specializzazione, è l’aritmia più diffusa: aumenta di 5 volte il rischio di ictus cerebrale, di 3 volte il rischio di scompenso cardiaco, raddoppia il rischio di morte e comporta un significativo peggioramento della qualità della vita. Curarla meglio, e diffondere le migliori cure, è fondamentale”.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Salento, violenta tromba d'aria: bagnanti in fuga e alberi divelti a Melendugno

Focaccia con filetti di tonno, cipolla rossa e olive

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi