La burocrazia sta mandando in rovina il Kursaal

Il centro congressi, fiore all'occhiello degli spettacoli e del turismo, è rimasto chiuso dopo il passaggio dalla Provincia alla Città metropolitana. Ecco com'è ridotto

SOTTOMARINA. Vedere il Kursaal abbandonato è una cosa che fa montare la rabbia. Il centro congressi sul Lungomare, costato una barca di soldi, fiore all'occhiello dell'offerta turistica e culturale, una volta passato dalla Provincia al patrimonio della Città metropolitana è rimasto inutilizzato, chiuso da mesi, ricettacolo di rifiuti e forse ricovero di balordi in cerca di un po’ di riparo. In poche praole: è in rovina.

Il centro congressi era stato inserito tra i beni alienabili ma al momento nessun acquirente si è fatto avanti. Chi passa per il Lungomare in queste settimane, si accorgerà anche che il Kursaal, centralissimo e con potenzialità turistiche enormi, è in realtà chiuso. Luci spente, porte rotte, muri esterni che si sgretolano, scalini d’ingresso sporchi, e rifiuti su tutta l’area esterna. Il contenitore, che fino a un anno fa ospitava congressi, riunioni di categoria, spettacoli teatrali, corsi e convegni, è lì, inutilizzato, in attesa che qualcuno si muova. Ma intanto si alza il costo dell'intervento che sarà necessario per ripristinarlo. Ammesso che lo si possa fare.

 Soppressa la Provincia, di cui è proprietà, è passato nel patrimonio della Città metropolitana ed è stato inserito nei beni alienabili con diritto di prelazione per il Comune. «Abbiamo cercato una trattativa con il commissario lo scorso anno», ricorda l’assessore al turismo, Luigi De Perini, «si tratta di una struttura importante e l’interesse non mancava. L’ipotesi era quella di una cessione in comodato d’uso per 19 anni (come è successo per il centro congressi di Jesolo), ma mancavano i presupposti essenziali per chiudere la trattativa. Il commissario ci aveva proposto di ospitare lì l’Ogd (Organizzazione per la gestione della destinazione, cioè l'ex Apt) e di trovare una soluzione per gli impiegati dell’ex Apt, ma l’Ogd da noi non era ancora costituito e quindi mancava il soggetto che potesse occuparsi di assunzioni. La trattativa si è arenata nell’estate scorsa e da quel momento non abbiamo più saputo nulla».

Nel frattempo la delibera che segna il varo dell’Ogd è stata approvata, ma la sede individuata è quella dell’ex Apt in fondo al Lungomare, ceduta dalla Provincia al Comune che ne ha confermato la destinazione per accoglienza e informazione turistica. Il Kursaal intanto rimane al palo e rischia di diventare l’ennesimo edificio pubblico abbandonato, come è successo per l’Arena e per l’ex colonia Turati. Di giorno si vedono ragazzini che si siedono sugli scalini a banchettare e ascoltare musica, di sera c'è chi ha visto senzatetto in cerca di un minimo di riparo per la notte. Quando e se riaprirà serviranno di certo interventi di sistemazione con un inevitabile esborso di nuovo denaro.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Video del giorno

Il supercomputer più veloce del mondo di Meta-Facebook

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi