Ca’ Roman, la scuola adotta l’oasi protetta

PELLESTRINA. Il polo tecnico professionale Vendramin Corner adotta l’oasi di Ca’ Roman. Una nuova forma di collaborazione tra la scuola e la Lipu, che da vent’anni gestisce il territorio protetto nel...

PELLESTRINA. Il polo tecnico professionale Vendramin Corner adotta l’oasi di Ca’ Roman. Una nuova forma di collaborazione tra la scuola e la Lipu, che da vent’anni gestisce il territorio protetto nel litorale di Pellestrina. Domani 160 studenti del Corner saranno a Ca’ Roman per la pulizia dell’arenile, a tutela soprattutto delle specie dell’avifauna che nidificano nell’area.

«Il fratino, che nidifica in questo periodo», spiega il direttore dell’oasi Ugo Faralli, «non sopporta le pulizie con mezzi meccanici, dunque questa operazione di raccolta dei detriti venuti dal mare sulla spiaggia si può fare solo a mano. Sarà un’occasione per far conoscere agli studenti la bellezza di questi luoghi. Mettendo insieme l’attività all’aria aperta con le lezioni sulla sostenibilità ambientale». «Un obiettivo primario per la nostra scuola», dice il dirigente scolastico Vittore Pecchini, «è quello di portare gli studenti allo studio diretto della natura». Nel 2015, informa la Lipu, sono stati ben 750 gli studenti che hanno visitato l’oasi protetta, messa a rischio negli anni dai grandi cantieri del Mose. Adesso il gemellaggio con la scuola.(a.v.)

Video del giorno

Le prove del Rigoletto alla Fenice, in scena dal 29 settembre

Granola fatta in casa

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi