Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Allarme erosione la Regione prepara interventi strutturali

Il professor Ruol presenterà il suo studio sulla costa Domani a Bibione arriva il ministro dell’Ambiente Galletti

JESOLO. Spiagge ancora sotto scacco, il maltempo non dà pace agli operatori della costa veneziana che temono per l’erosione incombente. Il vento di bora ha risparmiato in parte la costa da nuova erosione, ma il mare è ancora mosso e la paura è solo aumentata. A Jesolo sono già stati perduti circa 50 mila metri cubi di sabbia. Le altre spiagge non versano in condizioni molto migliori.

Domani a Bibione, hotel Savoy, è atteso il ministro dell’Ambiente Galletti per incontrare i sindaci della cos ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

JESOLO. Spiagge ancora sotto scacco, il maltempo non dà pace agli operatori della costa veneziana che temono per l’erosione incombente. Il vento di bora ha risparmiato in parte la costa da nuova erosione, ma il mare è ancora mosso e la paura è solo aumentata. A Jesolo sono già stati perduti circa 50 mila metri cubi di sabbia. Le altre spiagge non versano in condizioni molto migliori.

Domani a Bibione, hotel Savoy, è atteso il ministro dell’Ambiente Galletti per incontrare i sindaci della costa veneziana e le associazioni di categoria sul tema del ripascimento e tutela dei litorali. Intanto, in Regione è stata fissata finalmente l'audizione con il professor Ruol, uno dei massimi esperti di idraulica e marittima costiera, per il 17 marzo. A confermarlo è il consigliere regionale della Lega ed ex sindaco di Jesolo, Francesco Calzavara che è ai vertici della commissione competente in materia di demanio: «Ascolteremo i risultati dello studio compilato dal professor Ruol di cui ancora non conosciamo i contenuti», spiega Calzavara, «il professore, che è un esperto nella materia, è stato incaricato dalla Regione e credo che fornirà dei dati e indicazioni importanti per il futuro di interventi strutturali sulla costa veneziana».

A Jesolo la tensione si sta alzando e si pensa al breve periodo: «Abbiamo bisogno almeno di un milione garantito per la prossima stagione estiva», dice il vice presidente della Federconsorzi, Amorino De Zotti, «il governatore Zaia ci dia questa garanzia nel breve periodo per tranquillizzare gli operatori che sono davvero preoccupati e non sanno cosa attendersi in vista della prossima stagione estiva».

Dovranno essere necessariamente di più i soldi stanziati per tutte le località della costa, anche se Jesolo ed Eraclea appaiono al momento le spiagge più colpite e quelle più a rischio visti i risultati delle ultime mareggiate che hanno creato notevoli danni. Lo studio della Regione non dovrebbe riservare grandi sorprese. L’idea di base è quella di intervenire con dei pennelli in roccia potenziati in alcuni punti, ad esempio verso il lido Est di Jesolo. Non si escludono anche qui delle soffolte sott’acqua che possano frangere la forza del mare creando delle barriere coralline artificiali. Per il resto dei contenuti però, bisognerà attendere il 17, quando ci sarà l'esposizione dei contenuti dello studio da poco completato.

Giovanni Cagnassi

©RIPRODUZIONE RISERVATA