In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Treno mignon, pendolari a terra

Quarto. Trenitalia instrada il convoglio sbagliato sulla Portogruaro-Venezia delle 6.38 e si scusa

di Marta Artico
1 minuto di lettura

QUARTO D’ALTINO. Arriva il treno mignon, i pendolari rimangono a terra.

È successo ieri mattina, giornata critica per i pendolari, perché il lunedì è il giorno in cui gli studenti a casa per il fine settimana tornano all’università e la settimana ricomincia. Inoltre la tratta in questione, Portogruaro-Venezia, è una delle più affollate, specialmente al mattino.

Il treno 10008 delle 6.38 da Portogruaro, che arriva a Venezia alle otto meno cinque carico di pendolari, lavoratori, studenti, turnisti, anziché essere il solito convoglio regionale, era un treno più piccolo, che portava la metà delle persone. «Sono salita a San Donà ed era già pieno», racconta Angela Stortini, autrice delle foto pubblicate sulla pagina Facebook del comitato pendolari Veneto Orientale, «eravamo un carro bestiame, schiacciati come delle sardine. A Quarto d’Altino la gente è rimasta a terra, a Carpenedo, prima di Mestre, abbiamo toccato punte di schiacciamento tra pendolari mai viste. Per chi come me che scendo in zona Vega si trova costretto a prendere i regionali ogni mattina, è una pena continua, speriamo che le cose cambino una buona volta». «In sostanza», racconta Nicola Nucera del comitato pendolari, «hanno utilizzato un treno più piccolo, uno stadler di quelli acquistati dalla Regione un paio di anni fa, che va bene la domenica, nelle fasce morbide, ma non certo al mattino in una delle tratte più affollate e per giunta di lunedì. È stato un errore, hanno sbagliato a metterlo, bastava invertire il treno con quello dopo e non sarebbe successo nulla, anche perché è già pieno normalmente». Prosegue: «Che dire, speriamo che non succeda mai più».

Trenitalia ieri, si è scusata per bocca del direttore divisione passeggeri regionale Tiziano Baggio, il quale ha scritto direttamente ai pendolari: «Purtroppo è stato un errore di gestione, stamattina ero in sala operativa 6 e ho visto subito l’errore di cui, anche se commesso dall’operatore, mi prendo tutte le responsabilità». Baggio rassicura gli utenti: «Nessuna variazione sull’utilizzo dei materiali, un errore madornale, purtroppo. Vi assicuro che non si ripeterà più. Non ho giustificazioni da dare, avete tutte le ragioni del mondo, per quel che può servire, mi scuso con tutti voi».

Un’ammissione di errore e scuse sentite, dunque. Nel frattempo il portavoce dei pendolari altinati, Luciano Ferro, invita a tutti gli utenti del territorio ad andare a Roma a protestare.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori