Apre la tangenziale ma senza la pista ciclabile

Striscione dei residenti: «Promesse non mantenute». L’assessore assicura il suo impegno

MOGLIANO. “Promesse non mantenute”, “comune assente”: in vista dell'inaugurazione della nuova tangenziale nord, prevista per venerdì mattina, crescono le proteste dei cittadini moglianesi che lamentano l'assenza di piste ciclabili nella zona interessata dal nuovo intervento viabilistico.

Mentre, da anni, i grandi della terra si arrovellano sulle buone pratiche per ridurre le emissioni inquinanti nella speranza di salvare il pianeta, nel territorio continuano a comparire strade che non spiccano certo per spirito ecologista. Nel caso della tangenziale Nord di Mogliano, attesissima opera complementare al Passante, che dopo sette anni tondi, va a congiungersi con la variante ovest creando un collegamento diretto tra il Terraglio e l'autostrada A27, i residenti sono delusi dal mancato recepimento delle loro richieste e per il rischio che le opere di mitigazione non vengano completate. Sicuramente la nuova arteria sgraverà il centro di Mogliano dal traffico di attraversamento, soprattutto quello pesante, ma forse si poteva fare meglio. Questa, almeno, è l'opinione dei residenti dell'abitato di via Cavalleggeri, via Bonotto e via Bianchi. L'ente provinciale, che ha eseguito e progettato i lavori, obietta che si tratta di una strada camionabile e quindi il percorso dei ciclisti non era possibile. Non è stata concretizzata però nemmeno l'ipotesi di una complanare, se non a singhiozzo in qualche tratto. L'assessore ai lavori pubblici Giovanni Scognamiglio, interpellato a riguardo, assicura l'impegno del comune di Mogliano per il futuro e segnala come, comunque, una predispozione per le piste ciclabili ci sia già per i passaggi delle nuove rotatorie: «Il raccordo con le future piste ciclabili è già previsto. Le richieste dei residenti riguardano in particolare quella da via Cavalleggeri verso il centro» spiega Scognamiglio «ci sono stati già degli incontri nei mesi scorsi e durante le attività di cantiere abbiamo riportato le loro esigenze all'attenzione della Provincia. C'è la disponibilità a realizzare queste nuove opere, abbiamo quasi raggiunto un accordo perché la provincia riesca a realizzare il tracciato lungo via Cavalleggeri, attendiamo il rendiconto di chiusura lavori. Da parte nostra c'è il massimo interessamento». (m.m.)

Video del giorno

Val d'Ega imbiancata: le ferite ricucite di Vaia

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi