L’Osservatorio Nazionale sull’Amianto mobilitato contro il decreto Poletti

MIRA. L'Osservatorio Nazionale sull'Amianto prosegue la sua mobilitazione anche in Riviera del Brenta e nel veneziano contro il decreto Poletti. «Il Governo Renzi aveva assunto l'impegno di...

MIRA. L'Osservatorio Nazionale sull'Amianto prosegue la sua mobilitazione anche in Riviera del Brenta e nel veneziano contro il decreto Poletti. «Il Governo Renzi aveva assunto l'impegno di indennizzare le vittime dopo la clamorosa sentenza Eternit», spiega il presidente nazionale Ona l’avvocato Ezio Buonanni, «ma la montagna ha partorito il topolino e cioè il decreto Poletti. Si tratta di 5.600 euro da corrispondere una volta sola, su richiesta dell’interessato e ciò per gli anni dal 2015 al 2017, attingendo dall’ordinario Fondo Vittime dell’Amianto. Come associazione, abbiamo impugnato il decreto perché riteniamo la somma esigua e limitata ad i soli malati di mesotelioma». «Riteniamo», spiega Franco Tramarin dell’Ona di Mira, «che ci sia stato oltre il danno anche la beffa poiché la prestazione è definita “assistenziale”, mentre invece è un vero e proprio risarcimento, per la condotta dello Stato, inadempiente, e soprattutto perché poco più che simbolico, e soprattutto perché queste somme vengono non aggiunte, ma attinte semplicemente dal già esiguo Fondo Vittime Amianto, per un importo complessivo di € 28.783.164,00. Inoltre, se ne dovrà far richiesta, e quindi gli aventi diritto che non ne sono informati, ovvero coloro che non ne faranno richiesta, non otterranno il dovuto”. Per ottenere i soldi e fare la domanda all’Inail gli interessati potranno recarsi nell’ex sede del Genio Civile a Mira dove è sempre attivo lo sportello amianto o telefonare al 3498484650. (a.ab.)

Banana bread al cioccolato

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi