Fioretto a squadre: Bebe conquista il bronzo

La squadra azzurra del fioretto con a destra Beatrice Vio

Dopo l'oro nel fioretto individuale ecco la sua prima volta da capitana. Con la responsabilità di tirare per ultima e piazzare le stoccate che chiudono i giochi.

MOGLIANO. Dopo l’oro nella prova individuale ecco la sua prima volta da capitana. Con la responsabilità di tirare per ultima e piazzare le stoccate che chiudono i giochi. Lei, unica di categoria “B”, preferita alle due compagne di classe “A”, e quindi con minore disabilità, Loredana Trigilia e Andreea Mogos.

Beatrice Vio suggella i Mondiali paralimpici di Eger, in Ungheria, trascinando le azzurre del fioretto al bronzo. Tutto sotto gli occhi estasiati di papà Ruggero e mamma Teresa che sabato avevano assistito all’impresa nell’individuale. L’Italia, inserita fra le otto teste di serie, ha piegato ai quarti 45-39 l’Ucraina, alzando poi bandiera bianca in semifinale al cospetto di Hong Kong, numero uno del ranking e vincitrice 45-18. Un rullo compressore che nei turni precedenti aveva annichilito 45-6 la Grecia. Le azzurre si sono riscattate nella finalina per il bronzo, avendo ragione 45-38 della Russia. Con “Bebe”, interprete di una rassegna indimenticabile, chiamata a infilare le ultime botte. Titolo alle asiatiche che nell’atto conclusivo hanno sconfitto 45-31 le padrone di casa dell’Ungheria. Cala il sipario sull’avventura magiara, ma la moglianese promette nuovi traguardi. Fra meno di un anno, l’appuntamento con la storia è a Rio.

Video del giorno

L'Aston Villa batte lo United e i suoi tifosi prendono in giro l'esultanza di Ronaldo

Granola fatta in casa

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi