Città metropolitana, Consiglio "eletto" all'inizio di agosto

Città metropolitana: ad agosto il Consiglio

Il sindaco Brugnaro chiede (per il futuro) l'elezione diretta da parte dei cittadini, i colleghi di Chioggia, Spinea, Mirano, San Donà: "Venezia non è centrale"

MESTRE. L’ultima data utile per l’elezione dei 18 membri del costituendo Consiglio della Città Metropolitano è il 15 agosto prossimo. Ma visto che si tratta del giorno di Ferragosto, la chiamata alle elezioni di «secondo livello» sarà decisa dal sindaco del comune capoluogo e il commissario straordinario dell’ex Provincia di Venezia – il 2 o il 9 agosto prossimo.

E’ questa l’indicazione utile data  dal neosindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, durante la sua breve apparizione al convegno organizzato dalla Cisl veneziana sulla costituzione, espressamente prevista da una legge nazionale fin dall’anno scorso, della Città Metropolitana di Venezia.

 Brugnaro, atteso fin dal primo mattino al convegno che si è tenuto nel Padiglione Aquae di Expo Venice, a Porto Marghera, si è fatto vedere dopo la relazione introduttiva del segretario della Cisl, Lino Gottardello e al termine della tavola rotonda a cui erano già intervenuti i sindaci di Chioggia, San Donà, Spinea, Campolongo Maggiore, Mirano e i dirigenti dell’ex Provincia, dell’Asl 12, dell’Università Ca’ Foscari, nonchè del sottosegretario Baretta e del presidente di Confindustria, Matteo Zoppas che ha insistito sulla necessità di «fare sistema e di rilanciare il brand Venezia, che tanto ancora ha da dire nel mondo come innovazione, design, qualità delle nostre produzioni».

Luigi Brugnaro ha indicato molto brevemente le due possibili date delle prossime elezioni del Consiglio Metropolitano e ha ribadito due cose già dette in materia durante la campagna elettorale e ancor prima durante la sua presidenza di Confindustria Venezia, ovvero che lui e tutti i suoi alleati sono per l’elezione diretta a suffragio universale del futuro Sindaco Metropolitano. «A nostro avviso -a detto Brugnaro – il sindaco Metropolitano dovrebbe essere scelto direttamente dai cittadini per dare piena rappresentanza a tutta la popolazione della Città metropolitana che, in futuro, mi auguro si possa allargare all'intero bacino idrico: Venezia, Padova, Treviso, ma anche parti di Rovigo, Belluno e Pordenone».Nessuna risposta, di Brugnaro, invece, alle questioni sollevate dai sindaci presenti, come Giuseppe Casson (Chioggia) che ha sollecitato tutti i comuni del veneziano «a vincere la nuova sfida identitaria della città Metropolitana, superando i vecchi campanilismi con uno processo costituente che ci prefigura lungo e complicato» visto che i 43 sindaci dell’ex Provincia stentano a riconoscere «la centralità del comune di Venezia». Anche i l sindaco di Mirano, Maria Rosa Pavanello, ha insistito sulla necessità di «non temere la perdita dell’identità territoriale, chiudendosi nel proprio comune e chiarire con la Regione il passaggio di competenze importanti come la gestione del ciclo dei rifiuti e dell’acqua, i trasporti e la mobilità dei cittadini, la pianificazione urbanistica, la protezione civile e politiche sociali e ambientali ». Un altro grande problema da risolvere, come ricordato dal sindaco di Spinea, Silvano Checchin sarà il complicato accorpamento delle Polizie Municipali che dovrà fare i conti con trattamenti contrattuali del tutto diversi da comune e comune. A sua volte il sindaco di San Donà, Andrea Cereser, aveva sottolineato la «urgente necessità di garantire una pianificazione strategia del territorio metropolitano in un quadro di certezze», senza la quale «nulla cambierà». Quel che è certo, per il momento è che l’unico settore su cui c’è già un avanzato sviluppo in termini Metropolitano, è il sistema sanitario – come ha ricordato il direttore dell’Asl 12, Dal Ben – che però ha bisogno di trasferire (non si sa ancora a chi) le deleghe sulle politiche di assistenza sociale e deve decidere, insieme alla Regione, se confermare o accorpare le quattro aziende sanitarie del territorio veneziano che insieme hanno un costo di produzione di 1,7 miliardi e 9.850 dipendenti che scostano 518 milioni di euro l’anno.

Video del giorno

Schiavi di Booking? Federalberghi Veneto e il difficile rapporto con le agenzie online

Granola fatta in casa

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi