Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Aggredì e stuprò la ex ridotta la pena in appello

Dolo. Non ha fatto finora un giorno di carcere il 40enne responsabile dei reati Ieri il giudice di secondo grado ha tagliato di quattro anni la condanna

DOLO. Stupra la fidanzata la aggredisce picchiandola mandandola in ospedale, ma alla fine non farà nemmeno un giorno di carcere . I fatti si sono verificati nel 2003 quando Maurizio Giacon padovano ora 44enne conviveva a Padova in un appartamento con la sua fidanzata ( ora 40 enne) di Dolo.

Il rapporto fra i due però nel tempo si è deteriorato al punto che la donna, ha deciso di interrompere la relazione. La decisione di interrompere la relazione, ha reso Giacon furioso e lo ha fatto andare l ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

DOLO. Stupra la fidanzata la aggredisce picchiandola mandandola in ospedale, ma alla fine non farà nemmeno un giorno di carcere . I fatti si sono verificati nel 2003 quando Maurizio Giacon padovano ora 44enne conviveva a Padova in un appartamento con la sua fidanzata ( ora 40 enne) di Dolo.

Il rapporto fra i due però nel tempo si è deteriorato al punto che la donna, ha deciso di interrompere la relazione. La decisione di interrompere la relazione, ha reso Giacon furioso e lo ha fatto andare letteralmente fuori controllo. L’uomo ha chiesto così alla ex compagna un incontro chiarificatore, ma in preda ad un raptus l’ha violentata e selvaggiamente picchiata tanto da farla finire in ospedale con una prognosi di decine di giorni.

La donna sotto choc e sconvolta ha ovviamente sporto denuncia ai carabinieri. Le indagini delle forze dell’ordine e della magistratura hanno permesso di stabilire l’estrema violenza dello stupro subita dall’allora 28 enne e le forti percosse ricevute dall’ex fidanzato. Tutto ciò è stato constatato da inoppugnabili referti medici. L’uomo è stato così denunciato a piede libero, ma nel frattempo non è mai finito in carcere. È stato condannato nel 2008 a 6 anni e 4 mesi di carcere dal Tribunale ordinario di Padova per violenza carnale, aggressione, lesioni personali gravissime. La donna per uscire dallo choc che ha subito, ci ha messo anni, con l’aiuto di psicologi, e solo da poco, lentamente è riuscita a rifarsi una vita lontana dall’ex compagno violento e stupratore.

Difeso dall’avvocato Pascale d Falco di Camponogara, Giacon è ricorso in appello contro la sentenza di primo grado, e ieri la terza sezione della Corte d’Appello di Venezia, presieduta dal giudice Gioacchino Termini, gli ha ridotto sensibilmente la pena.

La Corte d’Appello forse valutando nuovi elementi processuali emersi ha condannato Giacon a 2 anni e 4 mesi. Una condanna che l’uomo certamente non sconterà in carcere . L’avvocato Pascale De Falco è poi pronto a ricorrere in Cassazione anche contro questa condanna .

«Ricorreremo in Cassazione», dice l’avvocato, «per mitigare al massimo la pena dopo il buon risultato del secondo grado. Se la pena della Corte d’Appello fosse confermata chiederemo l’affidamento ai servizi sociali come pena alternativa al carcere». C’è poi il rischio che tutto vada in prescrizione. In attesa del ricorso in Cassazione, però sono in tanti che attendono sconcertati le motivazioni di uno sconto di pena così sensibile. E in tanti si chiedono in paese a Dolo, come mai uno stupratore (la violenza è stata accertata dai referti medici), non abbia fatto finora nemmeno un giorno di carcere.

©RIPRODUZIONE RISERVATA