«Sangue, servono più donatori: immigrati fondamentali»

Il primario Giorgio Marchiori con due collaboratrici

Il primario di Immunoematologia di Mestre Giorgio Marchiori va in pensione. «Siamo molto attenti ai controlli. Il mio futuro è a disposizione del volontariato»

VENEZIA. «Il sangue non lo si può produrre a livello industriale, e dal momento che i nostri donatori invecchiano, il futuro è rappresentato dalla generosità che può essere manifestata dagli immigrati nel nostro Paese. Sono sempre di più, e nella logica della completa integrazione, il loro impegno in questo senso si rivelerà fondamentale». Lo dice Giorgio Marchiori, primario del servizio di Immunoematologia e Trasfusionale dell’Asl 12 e direttore del Dipartimento interaziendale di medicina trasfusionale che coordina le quattro aziende sanitarie della nostra provincia, da domani in pensione. Sotto i suoi occhi, da oltre trent’anni, si è evoluta la donazione del sangue da parte dei cittadini.

«Dagli anni Settanta a oggi si è passati da una storia in cui improvvisazione ed entusiasmo erano alla base della donazione come fatto spontaneo, a una forma organizzata di raccolta facendo fronte al fabbisogno reale di ospedali e pazienti», spiega il primario. «L’apice è stato raggiunto nel 2012 con 45 mila sacche di sangue raccolte nella nostra provincia. Ci sono poi stati dei cali, così come negli ospedali si fa più attenzione al consumo di sangue. Ora è organizzata pure la raccolta del plasma e se ne possono ottenere i derivati; si raccolgono le cellule staminali, con Mestre che ha rafforzato la sua posizione nel campo di questi trapianti».

Dal 2002 le regole sono più rigide per donatori e qualità del sangue, e il sistema si è perfezionato in base alle esigenze. «Dall’entusiasmo delle mattine trascorse a fare la raccolta di sangue nei paesini della Riviera del Brenta, oggi mi confronto con una struttura molto più organizzata», aggiunge Marchiori. «Il Dipartimento può contare su un centinaio tra medici, ausiliari, infermieri, tecnici e amministrativi distribuiti su una popolazione di 800 mila abitanti. La soddisfazione è che a Venezia siamo stati precursori in molti settori, poi il vero tramite tra popolazione e strutture sanitarie sono le associazioni che danno impulso e promuovono sul territorio la raccolta di sangue».

La motivazione che sottende la donazione è sempre la solidarietà, fare qualcosa per il prossimo. Si fa qualche esame in più, una giornata di riposo o lavorativa in meno, c’è più burocrazia, ma lo spirito è sempre quello. «Una volta i rischi erano minori, ora ci sono molti più controlli per le malattie sessualmente trasmissibili o i viaggi all’estero», sottolinea il primario. «Purtroppo la base di donatori si restringe per minor natalità, e stimoli nel vedere la comunità. In prospettiva futura, con più anziani e più bisogno di derivati, “arruolare” chi arriva da altri Paesi sarà quindi prezioso, facendo però i conti con le inevitabili differenze culturali e le diverse patologie. Non ci sono alternative, la solidarietà si spera prosegua».

Quindi Giorgio Marchiori rimarca un altro aspetto. «Il futuro è orientato su modelli che prevedono un uso del sangue più attento negli ospedali. Più efficienza senza badare al campanile e massima collaborazione tra le strutture sanitarie. Il cambiamento è inevitabile, meglio governarlo che esserne succubi. «Il mio futuro? A 66 anni voglio capire se potrò essere ancora utile mettendomi a disposizione delle associazioni di volontariato, magari per assistere i malati oncologici. Bisogna tornare a capire il paziente, metterlo realmente al centro del programma, non solo a parole. Riciclarsi con un po’ di umiltà rispetto a quello che si faceva prima, non sarà poi così male».

Video del giorno

Il supercomputer più veloce del mondo di Meta-Facebook

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi