Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Il centro servizi “Villa Fiorita” piange Hassana

SPINEA. Era entrata in punta di piedi e da subito si era fatta apprezzare per serietà e disponibilità. Sono in tanti in questi giorni al centro servizi per anziani “Villa Fiorita” di Spinea a...

SPINEA. Era entrata in punta di piedi e da subito si era fatta apprezzare per serietà e disponibilità. Sono in tanti in questi giorni al centro servizi per anziani “Villa Fiorita” di Spinea a piangere Hassana Boussaad dopo il tragico incidente stradale nel quale la trentaseienne di origine marocchina ha perso la vita. Domenica mattina, di buonora, la giovane donna si stava recando proprio al lavoro quando, lungo la statale Romea, all’altezza del comune di Campagna Lupia, la sua Citroen C3 ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

SPINEA. Era entrata in punta di piedi e da subito si era fatta apprezzare per serietà e disponibilità. Sono in tanti in questi giorni al centro servizi per anziani “Villa Fiorita” di Spinea a piangere Hassana Boussaad dopo il tragico incidente stradale nel quale la trentaseienne di origine marocchina ha perso la vita. Domenica mattina, di buonora, la giovane donna si stava recando proprio al lavoro quando, lungo la statale Romea, all’altezza del comune di Campagna Lupia, la sua Citroen C3 si è schiantata frontalmente con un Suv che viaggiava in direzione opposta.

Per lei non c’è stato nulla da fare. Questione di attimi in una mattinata piovosa. L’ultima a sentirla è stata una collega a cui aveva telefonato per avvertirla che, a causa del maltempo, sarebbe arrivata leggermente in ritardo. Hassana aveva iniziato a lavorare come operatrice sociosanitaria a Spinea all’inizio di dicembre. Precedentemente aveva avuto esperienze in strutture a Padova e nella provincia di Verona. I colleghi e le colleghe di lavoro sono ancora increduli per ciò che le è accaduto. Davanti agli occhi hanno ancora l’immagine di una ragazza piena di vita, innamorata del suo lavoro e sempre gentile. Al dolore si uniscono anche i residenti della struttura e i loro familiari che con lei avevano avuto modo di interagire in questi mesi. Un moto spontaneo, tanto che da parte di tutti coloro che ruotano attorno alla struttura è già stata manifestata la volontà di fare qualcosa in suo ricordo. (al.ce.)