Ladro in maschera borseggia i turisti al Carnevale di Venezia: arrestato

Individuato all'imbarcadero Actv di Calle Vallaresso, il malvivente con il mantello è stato pedinato dagli agenti, anche loro mascherati, fino all'Accademia dove ha colpito un'ultima volta.

VENEZIA. Arrestato mentre vestito in maschera borseggiava ignari turisti: è questa una delle operazioni condotte nelle scorse ore dal nucleo di polizia giudiziaria della Polizia municipale. Lo rende noto il comandante generale del Corpo, Luciano Marini.
L'intervento condotto da due agenti in abiti civili si inserisce nel quadro delle azioni di contrasto ai reati predatori perpetrati da borseggiatori che tradizionalmente imperversano in città in occasione del Carnevale.

Punto focale dell’azione è stato il pontile Actv di Calle Vallaresso, ove gli agenti erano appostati per cogliere in flagranza gli eventuali borseggiatori interessati agli effetti personali dei turisti in attesa di prendere i battelli.

Verso le ore 15.40 giungeva presso l’imbarcadero un individuo completamente mascherato da un ampio mantello nero con cappuccio che si rendeva protagonista di una serie di comportamenti sospetti che non sono sfuggiti agli operatori della polizia locale, anch’essi mascherati con cappelli, mantelli e baute.
I tentativi di borseggio dell’ “incappucciato” iniziavano già presso l’imbarcadero, quando lo stesso apriva la cerniera dello zaino di una turista e vi rovistava all’interno.

Il “tallonamento” della potenziale vittima ad opera del reo proseguiva anche dentro l’affollatissimo battello diretto verso piazzale Roma, con gli agenti letteralmente incollati al borseggiatore.
Durante l’ennesima intrusione della mano dentro lo zaino, gli operatori della polizia locale intervenivano ammanettando il reo in prossimità dell’imbarcadero dell’Accademia. La turista, una cittadina israeliana di cinquantotto anni, non si era accorta di nulla. La perquisizione del borseggiatore consentiva di rinvenire dollari, franchi svizzeri e sterline inglesi, oltre ad un documento d’identità bulgaro risultato falsificato.

L'uomo, Serghey Belocrilov, di 32 anni, sedicente cittadino bulgaro, è stato quindi dichiarato in arresto sia per il reato di tentato furto aggravato che per il reato di possesso ed utilizzo di documento falsificato.
Lo stesso soggetto era già stato tratto in arresto per borseggio all’interno di un battello Actv nel 2014.

Il pubblico ministero ha disposto l’accompagnamento dell’arrestato in carcere.

Video del giorno

L'ingloriosa fine dei mitici capannoni del Nordest: il videoracconto

Torta di grano saraceno con mirtilli e mele

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi