In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

“Sinistra” chiama a raccolta tutte le forze progressiste

JESOLO. Nasce “Sinistra”, nuovo movimento politico di Jesolo coordinato da Rodolfo Murador (in foto). Il messaggio è chiaro: dare voce a chi oggi non ha riferimenti veri nell’area progressista....

1 minuto di lettura

JESOLO. Nasce “Sinistra”, nuovo movimento politico di Jesolo coordinato da Rodolfo Murador (in foto). Il messaggio è chiaro: dare voce a chi oggi non ha riferimenti veri nell’area progressista. Murador, già consigliere comunale nel Pds, dal 93 al 97, ma mai iscritto al Pd, voce critica di una sinistra che non si è mai appiattita. In poche parole chi non si è riconosciuto nel Pd jesolano.

«Il movimento», spiega Murador, che è anche fondatore assieme a Sante Vianello del noto blog “Jesoloforum”, «sorge in contrapposizione alle larghe intese che hanno distrutto il Pd come forza alternativa. Un partito che si è suicidato politicamente e che ora rappresenta solo ben precisi interessi. La città ha bisogno di uscire dalla retorica dei gruppi di interesse e lobby che ora la stanno narcotizzando».

Il manifesto del movimento ha 10 punti fondamentali. Il primo è uscire dalla logica del project financing, contro interessi privati a scapito del pubblico, senza più cambi di destinazione d’uso. Poi l’attenzione reale al territorio, con lo stop alla cementificazione per passare dalla costruzione alla manutenzione e riordino, rivalutando i concetti chiave del masterplan. Viabilità e vivibilità sono la stessa cosa perché è su questo concetto che si gioca la qualità di Jesolo, con riferimento al caos di via Bafile. Eliminazione delle partecipate.

«Puntiamo anche su barriere frangiflutti contro l’erosione», aggiunge Murador, «la valorizzazione turistica di tutto il territorio, soprattutto alle estremità est e ovest. Vogliamo fermare la svendita dell’ospedale, tutelare il commercio e l’immagine di una città tollerante. Infine politiche turistiche per una forma equilibrata di divertimento senza sottovalutare la questione piazza Mazzini». (g.ca.)

I commenti dei lettori