In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Insediato il nuovo Questore Angelo Sanna

La prima intervista: «Credo nella collaborazione interforze e nel lavoro di gruppo. Venezia è la città più bella del mondo»

1 minuto di lettura

VENEZIA - Crede nel gioco di squadra e nella collaborazione interforze, nonchè nel potere della mediazione in fatto di ordine pubblico il nuovo Questore di Venezia, Angelo Sanna, insediatosi oggi. «Il Veneto - ha detto Sanna, incontrando la stampa - ha strutture investigative preparatissime e che si parlano fra loro. Questo non è solo importante per noi, ma soprattutto per i cittadini; si può fare meglio e di più con la collaborazione di tutti. Credo nel lavoro di gruppo e questo ha sempre portato buoni risultati». Appena insediato a Venezia, dopo 3 anni e 9 giorni di reggenza della questura di Vicenza, Sanna ha voluto incontrare le persone che lavorano con lui: «ho visto tanti sorrisi nei poliziotti veneziani e questo lato è positivo perchè rivela che c'è entusiasmo e soddisfazione a fare questo lavoro nonostante i molti problemi». Sulla città Sanna ha aggiunto: «Venezia è fantastica, una città all'attenzione del mondo, con i suoi pro e i suoi contro sta vivendo un momento particolare anche sul piano della sicurezza». Precisa Sanna che la sua filosofia include il dialogo: «È fondamentale come la mediazione. Io le provo tutte fino a 5 minuti prima, poi ognuno fa il suo. Le regole vanno rispettate. Sono qua per lavorare - ha concluso - e lavoare con umiltà e con toni bassi in sintonia con la delicatezza e la sensibilità di questa città per la quale spero di dare il mio contributo per valorizzarla: lo merita perchè sono italiano e perchè e la più bella città del mondo».

I commenti dei lettori