In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Diciassettenne precipita dal terzo piano

È grave in prognosi riservata. La ragazza si stava calando dal terrazzino con una fune fatta di lenzuola per scappare di casa

1 minuto di lettura

La telefonata alla centrale operativa è delle 18.17, la voce di chi telefona è concitata: «Fate presto, c’è una ragazzina caduta dal terzo piano, sta perdendo molto sangue». Quando i medici del Suem arrivano in via Lago di Garda, nella frazione di Malcontenta, trovano la giovane, 17 anni, originaria dell’Est Europa, cosciente ma in un mare di lacrime. Caduta rovinosamente a terra nel tentativo di scappare di casa, annodando con la forza della disperazione e l’incoscienza della sua età alcune lenzuola, come si trattasse di un’evasione da film. I medici l’hanno subito intubata e portata d’urgenza al pronto soccorso dell’ospedale Dell’Angelo, dove le hanno riscontrato un trauma cranico e un trauma addominale, anche se la vera paura, dopo il volo dal terzo piano, riguardava il rischio di lesioni interne: motivo per il quale la ragazza è stata tenuta sotto osservazione per tutta la notte. È ricoverata in prognosi riservata. Sul posto sono intervenuti anche i vigili del fuoco. La scena è accaduta di fronte a molte persone perché la terrazza dalla quale la ragazza è caduta si affaccia su un piccolo parco, a quell’ora piuttosto frequentato. Chissà quale meccanismo è scattato nella sua testa dopo il litigio con i genitori che stavano cercando di farla uscire da una situazione difficile nella quale si era cacciata da un po’ di tempo, a causa di alcune brutte compagnie, come a volte capita quando si è adolescenti. Lo spettro di dover tornare nel suo Paese natale, le ha fatto perdere la testa. Ha preso le lenzuola - come probabilmente aveva visto fare decine di volte nei film - e dopo averle annodate ha calato la “fune” dal terrazzo dell’ultimo piano, assicurandola ad un punto che le sembrava sicuro, e poi calandosi con il cuore in gola, sicura che in pochi minuti avrebbe raggiunto il cortile del palazzo. E invece è riuscita a fare pochi metri, poi qualcosa non è funzionato - non è ancora chiaro se le siano mancate le forze e se le lenzuola non abbiano tenuto - e tra il terzo e il secondo piano, a circa cinque metri di altezza, è caduta a terra rovinosamente, dopo aver sbattuto anche contro il terrazzino del primo. Alcune persone si sono avvicinate alla ragazza: era ancora cosciente, perdeva sangue dalla testa a causa del colpo, sotto choc a causa della caduta ma cosciente. In pochi minuti è scesa anche la madre della giovane, che l’ha calmata e accompagnata in ambulanza nel viaggio verso l’ospedale. Saranno i poliziotti della volante intervenute sul posto a cercare di ricostruire più nel dettaglio quanto accaduto, per cercare di capire cosa possa aver spinto la diciassettenne a cercare di fuggire dall’appartamento usando le lenzuola. (f.fur.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori