In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Pasqua e consumi: a Venezia le colombe costano meno

Indagine dell’Adico sui prezzi dei dolci della festa, le uova meno care si trovano a Padova, quelle per bambini meno costose a Treviso

1 minuto di lettura

MESTRE. Uova di cioccolato, colombe e dolci tipici della Pasqua: secondo l'analisi realizzata dall'Adico, Associazione Difesa Consumatori, insieme a RisparmioSuper.it, il sito leader in Italia nella comparazione dei costi degli articoli nella grande distribuzione, quest'anno i prezzi dei prodotti in offerta nei principali supermercati della nostra regione si mantengono sostanzialmente stabili in pressoché tutte le province venete. Con addirittura qualche lieve ribasso registrato in particolare a Padova, dove un uovo di cioccolato da 220 grammi arriva a costare un euro in meno rispetto all'anno scorso (3,99 euro contro 4,99 euro del 2013), mentre la colomba tradizionale 0,91 euro in meno (3,90 euro contro 4,90 euro).

Rimane invariato, ad esempio, il prezzo più economico di una colomba da 750 grammi nel Veneziano 4,99 euro, mentre anche nel Trevigiano si registra un leggero ribasso sulle uova di Pasqua per bambini, meno 50 centesimi per un uovo di cioccolato da 220 grammi.

I prodotti artigianali, lavorati a mano, mantengono il loro primato in termini di costi, si va dai 10 ai 30 euro per un uovo di grandezza media realizzato nel laboratorio di una pasticceria, contro i 4-5 euro per un uovo in vendita invece nei supermercati. E nei supermercati della grande distribuzione un uomo “firmato” costa un pochino di più. «I dati ci confermano il rischio di deflazione segnalato dalle rilevazioni Istat di questa prima parte dell'anno», commenta Carlo Garofolini, presidente Adico, «ma pur di fronte ad un panorama di prezzi stagnanti un consumatore avveduto ha sempre la possibilità di risparmiare scegliendo magari prodotti meno pubblicizzati. Un'ultima raccomandazione: tenete sempre d'occhio le offerte e confrontate i prezzi in almeno due punti vendita prima di decidere».

I commenti dei lettori