Ca’ Foscari: chi si laurea qui trova lavoro prima

Il rapporto Almalaurea: occupazione 5 punti sopra la media nazionale, a 5 anni dal diploma è occupato l’87% contro l’82 nazionale

VENEZIA – Tasso di occupazione ancora una volta sopra la media nazionale a uno e a cinque anni dal titolo per i laureati dell’Università Ca’Foscari Venezia, secondo il XV Rapporto Almalaurea sulla condizione occupazionale dei laureati.

A cinque anni dal titolo il tasso di occupazione dei laureati magistrali del 2008 di Ca’Foscari è pari all’87,5%, molto superiore alla media nazionale che si attesta all’82%; il lavoro stabile riguarda il 72%, valore in linea con la media nazionale. Buona anche la condizione dei laureati di Ca’Foscari del 2012, a un anno dal titolo: per i triennalisti il tasso di occupazione è del 47%(media nazionale:42%), ma va considerato che i triennalisti continuano per lo più a studiare, solo il 12% cerca un lavoro. Per i laureati magistrali il tasso occupazione a un anno dal titolo è del 61%, molto superiore al valore nazionale (55%).

Carlo Carraro, Rettore dell’Università Ca’Foscari Venezia: «Sono risultati molto soddisfacenti, soprattutto se li si analizzano sul medio periodo che consente una valutazione più completa sull’andamento dell’occupazione fra i giovani – afferma il Rettore – Il nostro ateneo sta lavorando molto, in tutti i suoi ambiti, per preparare in maniera qualificata i suoi iscritti al mondo del lavoro: un’offerta didattica internazionale e interdisciplinare, un Servizio Stage e Placement che segue i laureandi e neolaureati nella fase cruciale dell’inserimento nel mercato del lavoro, opportunità di stage, tirocini nelle principali realtà aziendali e istituzioni di tutto il mondo, la preparazione dei nostri studenti sotto l’aspetto delle competenze trasversali, con le iniziative e il supporto del Competency Center».

L’indagine del Consorzio ha riguardato 2.395 laureati triennali e 1.340 laureati magistrali biennali usciti dall’Università Ca’ Foscari nel 2012 e intervistati dopo un anno, cioè nel 2013.

LAUREATI TRIENNALISTI DI CA’FOSCARI A UN ANNO DALLA LAUREA

Il tasso di occupazione dei neolaureati triennali di Ca’ Foscari del 2012 è pari al 47%, valore superiore alla media nazionale (41%). Ma va tenuto conto che solo il 12% di questi giovani cerca lavoro. Si tratta infatti di giovani che in larga parte continuano gli studi, rimandano cioè al post-laurea magistrale il vero ingresso nel mondo del lavoro. Infatti appena il 27% è dedito esclusivamente al lavoro, mentre il 20% coniuga la laurea magistrale con il lavoro. Complessivamente coloro che continuano gli studi con la laurea magistrale sono il 57% di cui il 37% è impegnato esclusivamente negli studi mentre il 20%, come si è detto, studia e lavora. C’è infine un 12% che, non lavorando e non essendo iscritto alla laurea magistrale, si dichiara alla ricerca di lavoro.

LAUREATI SPECIALISTICI DI CA’FOSCARI A UN ANNO DALLA LAUREA

La condizione occupazionale migliora ulteriormente nei laureati magistrali a un anno dalla laurea: risulta occupato il 61% dei laureati di Ca’Foscari del 2012, valore molto superiore alla media nazionale che si attesta al 55%.

Il 14% dei laureati continua la formazione (a livello nazionale è il 13,5%). Chi cerca lavoro è il 24% dei laureati magistrali di Ca’ Foscari rispetto a una media nazionale del 31%. A un anno dal titolo prevalgono contratti di tipo determinato (71%), il lavoro stabile riguarda il 29% dei laureati.

LAUREATI DI CA’FOSCARI A CINQUE ANNI DAL TITOLO

Il tasso di occupazione dei laureati biennali magistrali di Ca’ Foscari del 2008, intervistati a cinque anni dal titolo, è dell’87,5%; valore molto superiore alla media nazionale (82%). Il 4% risulta ancora impegnato nella formazione (è il 6% a livello nazionale). Chi cerca lavoro è solo l’8% rispetto a una media nazionale dell’11,5%. La quota di occupati stabili cresce sensibilmente tra uno e cinque anni dal titolo raggiungendo il 72,5% degli occupati, valore in linea con la media nazionale.

Video del giorno

Tokyo 2020, Federica Pellegrini scatenata su Instagram: ecco il suo balletto con Martina Carraro

Gazpacho di anguria, datterini e fragole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi