In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Malori in casa, muoiono in solitudine

Le vittime sono un uomo di 64 anni e una donna di 82. Le salme messe a disposizione dell’autorità giudiziaria

di Carlo Mion
1 minuto di lettura

Uno aveva 64 anni, l’altra 82. Abitavano in luoghi diversi della città. Li accomuna lo stesso destino, la morte in casa da soli. Perché da soli abitavano. Destino comune a tante persone nella nostra città. Il primo è morto in via Altobello, la seconda in via Diedo. Sono stati trovati morti lunedì. In entrambi i casi indaga la polizia. È una prassi, non per altri motivi che possano far pensare ad una morte violenta o comunque causata da altri. Le due salme sono state messe a disposizione dell’autorità giudiziaria. Il pm una volta che riceverà la relazione dei medici e quella della polizia a sua volta metterà a disposizione dei parenti la salma per il funerale. Nei due casi i rilievi sono stati eseguiti dagli agenti delle volanti.

Il primo ad essere trovato morto è stato A.C., 64 anni. Abitava in via Altobello. Martedì mattina, intorno alle 10.30, un cugino si è recato nella sua abitazione per fargli visita, come faceva solitamente. Il parente ha suonato al campanello per farsi aprire. Ma non ha avuto risposta. L’uomo sapeva che il cugino era in casa e quindi ha aperto la porta con la copia di chiavi che aveva. Non ottenendo risposta quando lo ha chiamato, si è diretto in camera da letto e lì ha visto il parente riverso sopra alle coperte. Era immobile, lo ha toccato per vedere se fosse solo addormentato. In quel momento ha capito che era morto. Quindi ha chiamato la guardia medica che una volta constatato il decesso ha avvisato la polizia. Sul posto è intervenuta una volante di Santa Chiara. Avvisato il pm di turno il medico ha messo a disposizione dell’autorità giudiziaria la salma.

Poco dopo le 18, sempre di lunedì, una volante è intervenuta in via Antonio Diedo, a casa o A.T., 82 anni. La donna viveva da sola e il figlio non riusciva a mettersi in contatto con lei. Non rispondeva al telefono e lui aveva provato a chiamarla diverse volte. A quel punto ha telefonato al 113. Entrato con gli agenti nell’abitazione il figlio ha trovato la madre riversa a terra e priva di sensi. Purtroppo la signora era morta. Avvisati i sanitari del Suem, il medico ne ha constatato il decesso e la salma è stata messa a disposizione dell’autorità giudiziaria. In entrambi i casi, molto probabilmente, la morte è stata causata da un malore.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori