In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Carraro: «Negli hotel niente prenotazioni»

MIRA. Il Comune di Mira spiega: abbiamo fornito agli organizzatori un elenco di alberghi di Mira e in Riviera del Brenta per poter far alloggiare i partecipanti che arriveranno da ogni parte d’Italia...

1 minuto di lettura

MIRA. Il Comune di Mira spiega: abbiamo fornito agli organizzatori un elenco di alberghi di Mira e in Riviera del Brenta per poter far alloggiare i partecipanti che arriveranno da ogni parte d’Italia. A due giorni dall’evento però, l’Ascom replica: «Non abbiamo avuto alcun aumento di prenotazioni nelle strutture ricettive della zona».

La questione della ricezione della gran massa di attivisti a 5 Stelle sembra preoccupare sia le forze politiche che le organizzazioni di categoria. Gli albergatori si pongono delle domande. «Abbiamo l’impressione», spiega Adelino Carraro (in foto) vicepresidente dell’ Ascom, storico albergatore e titolare de “ Il Burchiello”, «che tutti questi arrivi poco incideranno in termini di ricadute positive sul tessuto economico mirese. Gli attivisti consumeranno agli stand della festa e se va bene si fermeranno da amici o in qualche pensione ultra economica. Penso che qualcuno dormirà addirittura in auto o in tenda. Se arriveranno i parlamentari, il discorso cambia decisamente. C’è da capire come agiranno queste persone e dove si dirigeranno».

Carraro spiega che effettivamente «È la prima volta che si organizza un evento nazionale di questa portata a Mira e questo è un fatto positivo. Certo è che la collocazione dell’evento, anche a causa di forti polemiche, ora è alquanto isolata dal resto del contesto cittadino e davvero in mezzo all’erba alta e ai topi come qualcuno dei comitati ha lamentato».

Resta sul tavolo anche la questione della sicurezza. «In che modo si controllerà il traffico - chiede il consigliere del Pd Gabriele Bolzoni – ci sarà un numero sufficiente di forze dell’ordine nel malaugurato caso scoppiassero tensioni e disordini? Piazza Vecchia e Gambarare poi rischiano di restare isolate dal resto del territorio, soprattutto l’area di via Primo Maggio che sarà chiusa al traffico».

Una risposta arriva dal comandante dei vigili, Mauro Rizzi: «Tutta la zona – dice Rizzi – sarà controllata mattina e sera da agenti della polizia municipale e anche pattuglie dei carabinieri. Ci hanno assicurato gli organizzatori che esiste un servizio d’ordine ad hoc». ©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori