Cristian Zara è il quinto assessore

MIRANO. Cristian Zara è il quinto assessore della giunta Pavanello. La nomina del sindaco è arrivata nei giorni scorsi, maturata dopo lunghe trattative e ufficializzata ieri con la firma dell’interes...

MIRANO. Cristian Zara è il quinto assessore della giunta Pavanello. La nomina del sindaco è arrivata nei giorni scorsi, maturata dopo lunghe trattative e ufficializzata ieri con la firma dell’interessato e la ratifica del segretario comunale. Zara, 33 anni, segretario del locale circolo di Rifondazione comunista è dunque l’uomo della sinistra nell’esecutivo composto da esponenti Pd, Udc, Idv e civica Io Scelgo Mirano.

Si occuperà di Politiche per i giovani, Sport, Casa e Lavoro, deleghe che il sindaco aveva tenuto per sé nel varo della giunta, cinque mesi fa. Zara lavora nel sindacato della Confederazione nazionale dell’artigianato e della piccola e media impresa, è vice responsabile provinciale del servizio di patronato e consulente in materia di previdenza e assistenza. Rappresenta il Cna nella consulta provinciale per l’immigrazione e nei tavoli per l’immigrazione in questura e prefettura. È anche componente dell’Associazione italiana arbitri. Così Maria Rosa Pavanello motiva la sua scelta: «L’accumularsi di impegni, in particolare con la delicata fase che porterà alla Città metropolitana, ha reso impossibile continuare l’attività della giunta con soli quattro elementi, quando quella precedente ne aveva 7. Ciò permetterà una maggiore elasticità e una più veloce reattività nella risposta alle istanze dei cittadini». Pavanello parla della nomina di Zara come risultato di un confronto serio all’interno della coalizione. In realtà non sono mancati veti incrociati alla nomina di un assessore che è espressione di un partito che non è riuscito ad affermarsi in Consiglio comunale. Pavanello ha, però, scelto anche il sostituto del dimissionario Roberto Farinati per il Consiglio di amministrazione del Mariutto: è Vincenzo Rossi, già direttore dell’ente dal 2003 al 2008 e dal 1995 al 2003 direttore amministrativo dell’Ulss 13. «Ho voluto nominare un tecnico con una lunga esperienza amministrativa e che già conosce l’ente», ha dichiarato il sindaco, «Farinati ha rassegnato le dimissioni il 5 ottobre: abbiamo assicurato in breve tempo la continuità gestionale dell’ente».

Adesso toccherà al Cda riunirsi per eleggere il nuovo presidente e Rossi, in questa sfida, ha buone possibilità di ricoprire tale incarico, vista soprattutto la sua esperienza nella gestione amministrativa in ambito sociosanitario.

Filippo De Gaspari

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Calabria, il video del salvataggio di 339 migranti a bordo di un peschereccio

Torta di grano saraceno con mirtilli e mele

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi