In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Matrimoni in spiaggia, un mare di richieste manca solo il sì di Orsoni

Sposarsi in riva al mare al Lido potrebbe diventare a breve realtà. Oltretutto in uno dei luoghi più esclusivi dell'isola: davanti l'Hotel Excelsior. Tutto è pronto, manca solo il via libera di Ca' Farsetti

Simone Bianchi
1 minuto di lettura
Ecco come sarebbe la cerimonia all’Hotel Excelsior 
LIDO. Sposarsi in riva al mare al Lido potrebbe diventare a breve realtà. Oltretutto in uno dei luoghi più esclusivi dell'isola: davanti l'Hotel Excelsior. In questi giorni la Sab (Stabilimenti attività balneari), che gestisce proprio l'arenile dell'albergo, ha presentato la richiesta in Comune, e dopo aver pubblicato sul proprio sito internet le intenzioni, in molti hanno già chiamato per avere notizie. Sulla home page del portale internet di Sab compare infatti una finestra sulla quale si parla dei matrimoni in spiaggia. Una soluzione da «favola», solo pensando alla storia dell'albergo e a uno degli stabilimenti balneari che da sempre viene ritenuto tra i più esclusivi al mondo, luogo di transito anche per vip e divi del cinema. E in caso di via libera, si potrebbe partire già nella prossima primavera.

«Ci siamo mossi con Municipalità e Comune per capire come poter avere le autorizzazioni - spiega Giulio Polegato, manager di Sab - L'idea è quella di offrire una nuova opportunità, non solo ai turisti, ma agli stessi veneziani. E poi per puntare al rilancio della spiaggia anche sotto un profilo diverso rispetto a quello della tradizionale balneazione». E già solo con l'annuncio comparso sul sito internet della società, il riscontro è stato molto positivo. «Infatti - conferma Polegato - Sono stati già in tanti, coloro che ci hanno contattati per capire come fare e quali opportunità si offrivano. Tanti sono proprio veneziani, ma siamo certi che molti turisti stranieri potrebbero aver piacere di sfruttare l'occasione per un matrimonio indimenticabile, seppur solo con rito civile».

Il problema è legato semmai all'uso di spazi pubblici. Nel caso di Sab sono la spiaggia, la diga dell'Excelsior, il giardino col prato inglese alla base della terrazza dell'albergo, e magari anche solo quest'ultima, sorgendo su area demaniale. «Va capito cosa si può fare - osserva il direttore generale del Comune, Marco Agostini - Sarebbe la prima volta di una cerimonia simile in riva al mare al Lido, quindi dobbiamo verificare il regolamento. Siamo di sicuro disponibili a ragionarci. L'importante è che la cerimonia si svolga in spazi pubblici o destinati al pubblico, come facciamo già noi al Casinò». Ma l'interesse per i matrimoni in spiaggia all'Exclesio è tale, che già alcune agenzie specializzate si sono fatte avanti con Sab.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori