Venezia spogliata si veste di sé: ecco le immagini dalla città “Desnua”

Negli spazi degli Archivi della Misericordia la mostra di Marco Valmarana. Gli scatti durante i mesi del lockdown. «Ho fermato una laguna irripetibile»

VENEZIA. “Denudata, spogliata”, uno sguardo intimo, a tu per tu con Venezia. Ha inaugurato negli spazi degli Archivi della Misericordia (Campo de l’Abazia 3549) la mostra fotografica “Desnua”, realizzata dal fotografo veneziano Marco Valmarana, 31 anni, social media executive per gli hotel del gruppo Belmond, freelance e influencer.

Le immagini raccontano gli ultimi due anni di Venezia, da città più fotografata e calpestata a entità svuotata che mostra il suo lato intimo.

L’occhio di Marco Valmarana, attraverso una trentina di fotografie, osserva in maniera critica la speculazione turistica che Venezia ha dovuto subire negli ultimi anni, improvvisamente scomparsa durante i mesi della pandemia e soppiantata dall’avanzata della natura e dalla bellezza silenziosa di una città unica.



«Durante i mesi del primo lockdown - racconta Valmarana- da Milano, dove lavoro, ero tornato a casa mia, a Murano. Quando hanno allentato le restrizioni, mi sono ritrovato a camminare in una città deserta, bellissima, struggente. Non avevo mai visto Venezia così, e capivo che mai più l’avrei rivista». La risposta entusiasta dei follower agli scatti di una città tornata spoglia e magnifica è stata la spinta a realizzare una mostra.

Il racconto per immagini si conclude con le fotografie delle vele al terzo che nel settembre 2019 hanno attraversato il bacino San Marco per la Red Regatta dell’artista Melissa McGill (con cui Valmarana ha collaborato). «E’ un messaggio di speranza e di ripartenza - conclude il fotografo veneziano - verso la creazione di un legame tra tradizione, arte e sostenibilità ambientale che deve essere centrale nel futuro di Venezia». La mostra nasce dalla collaborazione tra il fotografo e l’agenzia Art Events, e ha coinvolto esperti e professionisti veneziani: Vittorio Pavan (Archivio Cameraphoto Epoche), l’artigiano Francesco Di Pumpo (realizzazione delle cornici), la designer Barbara Fabris (veste grafica del progetto). È visitabile su appuntamento prenotando nel sito www.marcovalmarana.com fino al 31 maggio. —



© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Fiammiferi di asparagi con aspretto di ciliegie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi