Una mostra e un laboratorio sull’architettura sostenibile

Ha preso il via nei giorni scorsi a V-A-C Zattere – seppure momentaneamente a porte chiuse – “Non-Extractive Architecture: Progettare senza estinguere”, il programma espositivo e di ricerca dal vivo ideato dall’architetto e curatore Joseph Grima, insieme allo studio di design Space Caviar, che per un anno trasformerà il Palazzo delle Zattere in un laboratorio attivo, grazie a una residenza di dieci studiosi internazionali, e in una mostra in continua evoluzione che prenderà forma sulle pareti delle stanze del Palazzo sul tema della produzione architettonica contemporanea in chiave più sostenibile sia dal punto di vista ambientale che sociale. La ricerca, già iniziata a livello teorico nel 2020 e confluita nel libro, in uscita questa settimana, “Non-Extractive Architecture: On Designing without Depletion Vol. 1”, confluirà all’inizio del 2022 in un secondo volume che sintetizzerà i risultati del progetto. Nel frattempo oggi, venerdì 19 marzo alle 18, Joseph Grima, insieme a Sofia Pia Belenky e agli altri esperti che hanno contribuito presenterà il primo volume del libro in un evento Zoom (presentazione in inglese, su prenotazione: zattere@v-a-c.ru). —



Frullato di fragole, carote e semi oleosi

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi