L’elettropop di Annalisa Giolo da Chioggia a Los Angeles

CHIOGGIA

Da Chioggia a Los Angeles. Sono usciti nei giorni scorsi negli Stati Uniti i nuovi brani di Annalisa Giolo, in arte Inanna (nome tratto dalla miologia mesopotamica), ideati per il progetto Acrotopia che mira alla sensibilizzazione sulle tematiche ambientali. I nuovi pezzi sono il frutto di una sensibilità artistica, maturata tra l’Italia e la Spagna, dopo un lungo percorso culturale. I brani sono originali e intensi e abbinano sonorità elettropop contemporanee a atmosfere e strumenti mediorientali antichi. Tutti i testi esprimono il desiderio di armonia e rispetto tra gli esseri viventi, il bisogno di cultura, di bellezza e di gratitudine.


Nel video musicale del brano “Invisible City”, diretto dal regista Alex Bordoni, ci si immerge in inquietanti immagini di oscura attualità, per poi ipotizzare una rinnovata armonia come antidoto alla paura. Nel progetto “Acrotopia” anche i brani “On fire”, con un video sui danni dell’inquinamento, “Twilight of the dawn”, un viaggio dall’oscurità alla luce, “Strange days” dedicato ai giorni della pandemia e il primo video “Nefertiti XXI” dove si auspica la possibilità di prendersi cura al “femminile” del pianeta Terra. —



Pancake di ceci con robiola e rucola

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi