Tv in streaming

Amazon Prime Video cambia look. E finisce per trasformarsi in Netflix

Amazon Prime Video cambia look. E finisce per trasformarsi in Netflix
Pronto il restyling della piattaforma, il primo dal debutto: si parte dai dispositivi Android e dalle smart tv, poi si passerà ad iOS. Che cosa cambia e che cosa resta confermato
1 minuti di lettura

Amazon ha annunciato il primo, vero restyling in oltre 7 anni di Prime Video, la sua piattaforma di streaming: i cambiamenti sono in fase di rilascio a livello mondiale, ma prevedibilmente passerà tempo prima che tutti li possano vedere.

Poco male, perché per conoscerli c’è un video su YouTube (visibile qui sotto) e soprattutto perché per immaginarli basta guardare la pagina iniziale di Netflix. Come già hanno fatto Disney Plus e pure HBO, anche Prime Video ha in qualche modo deciso di uniformarsi graficamente a quella che (almeno per ora) è la regina del settore: icone di navigazione sulla sinistra (Home, Store, Trova, In Diretta, Gratis per te e Area Personale), classifica dei più visti con numeri grandi ed evidenti, contenuti che si sfogliano in orizzontale con immagini a tutto schermo, autoplay se ci si passa sopra e così via.

Che il nuovo layout sia ispirato a Netflix o meno, non importa molto: Amazon Prime Video aveva decisamente bisogno di un rinnovamento, perché la piattaforma era non solo ferma da anni, ma pure era quella meno accattivante esteticamente e anche meno fruibile. L’azienda di Seattle ha spiegato che le novità saranno inizialmente visibili nell’app per Android e sui dispositivi domestici come smart tv, Fire TV, Roku, Apple TV e console di gioco (ma non sulla Apple TV del 2012 e non sulla PS3) e che l’interfaccia è stata pensata per essere “meno impegnativa e opprimente per i nostri clienti”.

Ci sono nuove icone (spunta blu per i contenuti inclusi nell’abbonamento Prime e un sacchetto di colore giallo per quelli che vanno acquistati a parte) ed è per fortuna confermata la comodissima funzione X-Ray, che permette di avere informazioni sul cast quando si mette in pausa quello che si sta guardando. Amazon riesce a farlo perché è proprietaria dell’Internet Movie Database, che è la fonte di questi dati.