Almanacco dell'Innovazione - 9 aprile 2014

Un premio da un milione di dollari al pioniere dei big data e del cloud

Stuart Parkin (a destra) mentre riceve il Millennium Technology Prize
Stuart Parkin (a destra) mentre riceve il Millennium Technology Prize 
1 minuti di lettura

Il 9 aprile 2014, il professor Stuart Parkin riceve il Millennium Technology Prize, un importante riconoscimento che negli anni precedenti era andato ad altri pionieri della tecnologia come Tim Berners Lee (per il World Wide Web) e a Linus Torvalds (per Linux).

Il professor Parkin veniva premiato per qualcosa di apparentemente meno eclatante, ma in realtà fondamentale: le scoperte che hanno consentito un miglioramento di migliaia di volte della capacità degli hard disk magnetici di contenere dati. Diciamolo diversamente: se oggi possiamo vedere i film in streaming su Netflix, guardare i video di TikTok e ascoltare la musica di Spotify è anche per le tecnologie scoperte da Parkin. Non a caso alcuni dicono che con lui sia "iniziata l’era dei big data", mentre il Guardian, dando la notizia, disse che Parkin aveva aperto la strada al cloud computing. Insomma, un genio che pochi di noi conoscono.

Stuart Stephen Papworth Parkin è nato nel 1955 a Watford, in Inghilterra. Le sue scoperte risalgono al 1989, quando aveva 34 anni e stava inaugurando un nuovo settore scientifico, chiamato spintronic. Tra  i suoi molti incarichi c’è infatti quello di direttore dell’IBM-Stanford Spintronic Science and Applications Center. Ma oggi vive in Germania dove dirige un laboratorio del Max Planck Institute.

Dopo l’annuncio, un giornalista del Guardian lo ha raggiunto e lui ha detto che avrebbe usato il milione di dollari del premio per comprarsi una casa ad Halle, in Germania e invitando la fidanzata a cena fuori in un ristorante tedesco che la coppia ama molto.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito