Social network

Elon Musk entra nel board di Twitter: "Ci renderà più forti sul lungo periodo"

Elon Musk entra nel board di Twitter: "Ci renderà più forti sul lungo periodo"
(reuters)
Benvenuto ufficiale al nuovo azionista di maggioranza, che promette "miglioramenti significativi nei prossimi mesi”. E dall'Italia c'è chi gli chiede di "comprare l'Ilva di Taranto e farne una sede super ecologica di produzione della Tesla"
2 minuti di lettura

“Sono entusiasta di annunciare che stiamo accogliendo Elon nel nostro consiglio di Amministrazione! Attraverso le conversazioni con Elon nelle ultime settimane, ci è apparso chiaro che avrebbe portato un grande valore al nostro board” e anche “lui è allo stesso tempo un nostro grande sostenitore e un critico feroce, che è esattamente ciò di cui abbiamo bisogno per renderci più forti sul lungo periodo”, cui nel giro di una decina di minuti lo stesso Musk ha risposto con un “non vedo l'ora di lavorare con Parag e il board per portare miglioramenti significativi a Twitter nei prossimi mesi”.

Questo lo scambio di cinguettanti cortesie andato pubblicamente in scena intorno alle 14.30 italiane fra il Ceo di Twitter, Parag Agrawal, e il nuovo socio di maggioranza della compagnia, che solo ieri si è comprato più del 9% del pacchetto azionario.

E nemmeno di 24 ore dopo, Musk ha mostrato di che pasta è fatto e anche cosa intende con quel “portare miglioramenti significativi a Twitter nei prossimi mesi”: il primo atto nel passaggio da spettatore ad attore sul social network dell’uccellino azzurro è stato sottoporre un sondaggio ai suoi oltre 80 milioni di follower per chiedere un parere sulla possibilità di avere un Edit Button per i cinguettii. Un modo per modificare i tweet dopo averli pubblicati, una cosa di cui si parla da oltre 15 anni e che per chi Twitter l’ha fondato, come Jack Dorsey, sembra quasi un sacrilegio: “Probabilmente, non lo faremo mai”, disse a The Verge un paio d’anni fa.

Ora non resta che vedere se i vari “porterà un grande valore al nostro board” e “ci renderà più forti sul lungo periodo” di Agrawal resteranno solo frasi di circostanza o si tradurranno invece in cambiamenti concreti alle dinamiche della piattaforma. Iniziando appunto da un Edit Button per i tweet.

 

Scherzi, meme e ironia: l'altro benvenuto di Twitter

Quel che è certo è che, come già prima di diventare azionista, Musk è uno capace di polarizzare l'attenzione su Twitter: da un paio di giorni, il suo nome è in tendenza un po' ovunque nel mondo (Italia compresa), con tante persone, famose o meno, che lo taggano, lo prendono in giro, lo ringraziano ma anche lo criticano e lo insultano. E soprattutto creano vignette e meme su di lui: al momento, quella che sembra andare per la maggiore è quella che si vede qui sopra, interpretata alla bisogna con un animale o un personaggio di fantasia differente (noi abbiamo scelto quella con il cane simbolo dei Dogecoin).

C'è anche chi chiede a Musk se può fargli avere le coordinate bancarie del suo conto corrente, chi lo invita a "comprare l'Ilva di Taranto e convertirla in una sede super ecologica di produzione della Tesla", chi si domanda se l'arrivo di Musk nel board cambierà qualcosa per la cacciata di Trump dai social e chi vorrebbe sapere se adesso il suo progetto di usare chip per controllare il cervello riguarderà anche le persone.

Fra chi ha twittato per salutarlo, anche lo stesso Dorsey: "Sono davvero felice che Elon si unisca al board di Twitter: ha profondamente a cuore il nostro mondo e il ruolo di Twitter al suo interno - ha cinguettato - Parag ed Elon sono leader di cuore e saranno una squadra incredibile".