Videogiochi

Halo Infinite, la recensione: Master Chief è davvero tornato

Abbiamo provato il nuovo capitolo di un titolo che è diventato simbolo dell’Xbox nel mondo: ecco che cosa ci è piaciuto e che cosa no. E come funziona il multiplayer
4 minuti di lettura

Sono passati vent’anni dal primo Halo, il gioco che dimostrò definitivamente che gli sparatutto in prima persona su console non solo si potevano fare, ma anche che non avevano niente da invidiare a quelli su computer e che in alcune sue trovate rivoluzionò il genere.

In questo periodo la saga di Master Chief ha vissuto alti e bassi, ha perso i suoi creatori originali e cercato di rimanere rilevante in un genere che ogni anno riscrive le sue regole pur restando identico a se stesso, cercando anche di competere con Fortnite e l’ascesa dei Battle Royale.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi la Nuova Venezia la comunità dei lettori