Videogiochi

Alle Ogr di Torino va in scena Round One, evento dedicato al business degli esport

In compagnia di Marco Saletta, presidente di Iidea, scopriamo che cosa ci aspetta nei due giorni della kermesse
2 minuti di lettura

“Gli esport sono molto eterogenei, comprendono decine di titoli giocati con formule altrettanto diverse. Proprio per questa complessità si rivolgono a fasce demografiche differenti e a diversi tipi di consumatori, che vanno dai giocatori più competitivi ai giocatori più social, ai fan che si riuniscono per il gioco che amano, per le squadre per cui tifano o per le star con cui si identificano. Gli esport fanno parte di una tendenza molto più ampia nell’industria dei videogiochi, legata alla fruizione sociale e all’intrattenimento di gruppo”: questo ci ha detto Marco Salette, presidente dell’associazione Iidea, per introdurre l’evento Round One, in scena alle Ogr di Torino il 5 e 6 ottobre.

La seconda edizione dell’evento dedicato al business degli esport in Italia è organizzato da Iidea e Nintynine, può contare su numerose importanti partnership e vede la partecipazione di più di 60 aziende e 35 speaker, di cui 10 internazionali. Presenta più di 20 appuntamenti di approfondimento sul settore, con la partecipazione di publisher, team, brand, operatori, agenzie e centri media. Una piattaforma digitale permette la prenotazione degli eventi e la partecipazione agli interventi da remoto. Inoltre, mercoledì 5 ottobre, all'interno dell’evento si svolgerà la cerimonia di premiazione degli Italian Esports Awards, trasmessa in streaming sul canale di Twitch di Round One alle 19.

Saletta ci ha spiegato che “Round One nasce da un’esigenza diretta degli operatori esport soci di Iidea con l’obiettivo di favorire lo sviluppo del settore in Italia, promuovere la professionalizzazione dei suoi attori e connettere mondi trasversali in quello che vuole diventare l’appuntamento business di riferimento sul territorio nazionale. Perché i numeri del settore non possono più essere ignorati”.

Gli esport contribuiscono a disegnare non solo un mercato, ma un nuovo medium per raggiungere un pubblico giovane, istruito, con capacità di spesa e difficilmente rintracciabile mediante i mezzi di comunicazione tradizionali. Round One rappresenta un acceleratore per la comprensione degli esport, un momento di incontro e connessione per facilitare le opportunità di business intra ed extra settore e un acceleratore di conoscenza attraverso il coinvolgimento diretto di esperti nazionali e internazionali.

Un settore che secondo l’ultimo Rapporto sugli esport (ma nuovi dati saranno rivelati durante l’evento) vede in Italia 475mila persone che seguono quotidianamente eventi, bacino che si allarga a oltre 1,6 milioni di persone se si considerano anche coloro che dichiarano di seguire un evento esport più volte alla settimana. Acnora Saletta: “Il gaming competitivo è un fenomeno in grande espansione. Stando all’ultimo report realizzato da Iidea in collaborazione con Nielsen lo scorso mese di maggio, oltre 1,6 milioni di persone seguono un evento esport più volte durante la settimana, dato cresciuto del 15% rispetto alla precedente rilevazione”.

La crescita è confermata anche dall’aumento del consumo orario su Twitch, dove si contano 58 ore di visione di eventi esport contro le 34 dell’anno precedente, un incremento record del 72%. Saletta ci ha anticipato che “lo studio che sarà presentato nel corso di Round One avrà un focus diverso. Si chiamerà Landscape del Settore Esports in Italia e sarà una stima dell’impatto economico generato dagli operatori di settore considerando l’impatto occupazionale, la spesa correlata e l’amplificazione dovuta al potere di spesa incrementale generato dal settore in Italia. È la prima volta che un’indagine di questo tipo viene realizzata nel nostro Paese”.

La ricerca Landscape del Settore Esports in Italia sarà presentata a Round One il 6 ottobre da Tommaso Mattei, Head of Consulting Europe, MENA & Mexico di Nielsen Sports & Entertainment. Nella stessa giornata, Timo Kruger, Commercial Director Esports & Gaming, International di Nielsen Sports & Entertainment, approfondirà le motivazioni per le quali i brand stanno aumentando gli investimenti nel settore e quali sono i migliori approcci strategici alle sponsorizzazioni per guidare la crescita sia sulla brand equity che sulle vendite.

Dopo una prima edizione Round One realizzata nel 2020 da remoto a causa della pandemia, quest’anno l’evento ha scelto di spostarsi negli spazi suggestivi delle Officine Grandi Riparazioni, “un luogo unico capace di coniugare il fascino industriale di fine Ottocento e l’innovazione tecnologica (è dove abbiamo tenuto la nostra Italian Tech Week, ndr). Perfetto per ospitare questo evento dedicato al mondo del gaming competitivo che, per loro natura, riuniscono innovazione, tecnologia, business ed entertainment”.

Ogr Torino non solo ospiterà l’evento all’interno dei suoi spazi, ma ha scelto di supportare Round One in qualità di Innovation e Networking Partner insieme a Fondazione Crt come sostenitore dell’iniziativa.