In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Primo successo della Reyer in Eurocup a Cluj, ma quanta fatica

Una battaglia in Transilvania: gli orogranata stavano buttando la vittoria nell’ultimo minuto. Spissu sistema le cose dalla lunetta, Willis d’applausi

Michele Contessa
2 minuti di lettura

Brividi in Transilvania per la Reyer, secondi finali per cuori forti e mani salde, quelle di Marco Spissu (18 punti) dalla lunetta (7/9), dopo una partita infinita: prima vittoria in Eurocup (85-80) sul “caldo” parquet del Cluj-Napoca con Willis (22 punti) e Bramos (16) protagonisti. Dopo l’esordio in campionato, Moraschini riassapora anche l’atmosfera del palcoscenico europeo, out ancora Parks, sul fronte opposto la Reyer si ritrova di fronte l’ex Sanders. Moraschini ancora in quintetto base con Spissu in cabina di regia e Sima sotto canestro. Willis apre il match, poi sale in cattedra l’ex Roma Jordan Taylor (4-2).

Moraschini e Freeman litigano con il ferro, non Willis (6-7). Venezia soffre l’intraprendenza di Meindl, che picchia due volte dall’arco (12-8). Dal time-out di De Raffaele escono Bramos e Watt per Moraschini e Sima, autore di una super stoppata su Bircevic. Bramos si presenta con la tripla, Richard replica (18-17), prima dell’allungo finale (18-21) orogranata con Brooks e Freeman.

SUPERWILLIS. Botta e risposta tra Stipanovic e Watt in apertura di secondo quarto, quando può, Bramos colpisce (20-26) aprendo il miglior periodo della Reyer che alza un “muro” davanti al proprio canestro. Willis diventa devastante, tra schiacciate e stoppate, i bianconeri non riescono a trovare l’antidoto all’ex Badalona, è lui che apre e chiude il break di 9-0 orogranata (22-35). Cluj-Napoca priva di idee senza Taylor e Meindl sul parquet.

Il ritorno dei due giocatori e l’inserimento di Cate producono il parziale che dimezza il passivo dei romeni (31-37). Ancora Willis (13 punti su 40 in 12’) va in percussione con Taylor che firma sulla sirena il -7 interno (33-40).

ELASTICO. Bramos è impeccabile dal perimetro, apre il terzo quarto (33-43), i romeni provano ad alzare i giri, aumentano i contatti, tanto che Cluj-Napoca esaurisce il bonus dopo 3’57”. Calano le percentuali della Reyer anche per la maggior aggressività dei bianconeri. Willis conduce sempre le danze (38-49), ma sul fronte opposto sale di tono Stipanovic (45-51).

Cluj-Napoca sempre più vicina, ci pesano Watt e Willis a ricacciarla indietro (45-55). Inizia un’estenuante caccia, romeni all’inseguimento, orogranata a scappare, un elastico che durerà fino all’ultimo secondo. Silvasan trova soluzioni offensive alternative a Taylor e Meindl, ma è una partita a strappi, dove l’intensità provoca un aumento degli errori. Arrivano anche i primi punti stagionali di Moraschini dalla lunetta (51-59).

BRIVIDI. Ultimo quarto sulle montagne russe, Cluj-Napoca ha provato ad agganciare la Reyer (57-61), implacabile Bramos dall’arco (57-64), poi dalla lunetta (60-66). Ultima frazione interminabile, Taylor è salito in cattedra (68-73), pesantissima la tripla di Freeman (68-76) che ha ricacciato indietro i romeni. Unico acuto con alcuni assist per la guardia orogranata.

Cluj-Napoca solida, come la Reyer, mai doma, match appassionante e coinvolgente con Granger a infilare dalla lunetta il +10 (68-78) a 1’14” dalla fine. Partita chiusa? Mai. La Reyer ha iniziato a tremare, tripla di Talylor, palla persa, canestro di Bircevic (73-78). Gara in bilico, ancora di più dopo i liberi di Richard (75-78). Pazzesco, tutto in una manciata di secondi. Mano ferma di Willis dalla lunetta (75-80) a 53” dalla sirena, palla persa prima da Spissu, poi da Granger sulla pressione romena: Venezia in tilt. Cluj-Napoca a -2 (78-80) a 34” dalla fine.

E’ il momento di Spissu, falli subiti e liberi (78-82), poi l’ottima difesa che obbliga Richard a perdere il pallone. Ancora lunetta per il play sardo (78-83), Taylor non molla (80-83) con 13” da giocare. Palla sempre a Spissu, liberi sempre per Spissu (80-85), dopo il time-out Cluj-Napoca fallisce la tripla. 

I commenti dei lettori