Il Venezia già in B ferma la corazzata Roma costringendola al pari

I giallorossi hanno colpito quattro traverse. Soncin ripropone a difesa a tre e in avanti ci sono Aramu e Okereke. Proprio questi ultimi confezionano il vantaggio ospite dopo 36 secondi

ROMA. Con una squadra già in Serie B dal pomeriggio, il Venezia gioca una discreta partita a Roma costringendola all’1-1, anche se per oltre un’ora ha dovuto giocare in dieci per il rosso a Kiyine. I giallorossi hanno colpito quattro traverse.

I gol; dopo neanche un minuto il vantaggio di Okereke, pareggio di Shomurodov. Dopo l’infortunio a Euro2020, tra i giallorossi si rivede Spinazzola come titolare. Soncin ripropone a difesa a tre e in avanti ci sono Aramu e Okereke. Proprio questi ultimi confezionano il vantaggio ospite dopo 36 secondi; cross del fantasista dal vertice destro dell’area di rigore, sbuca il nigeriano e con una spizzata inganna Rui Patricio.

La Roma reagisce, sospinta da uno stadio pieno, e una punizione di Pellegrini si stampa sulla traversa a Maenpaa battuto. Cinque minuti dopo è Abraham a essere pericoloso ma la difesa veneziana si salva. Al 32’ la svolta della gara; il già ammonito Kiyine rifila un calcio a Pellegrini a palla lontana, Sozza va a vederlo al Var ed espelle il giocatore veneziano. I veneti tengono e riescono a portare il vantaggio all’intervallo.

A inizio ripresa, Mourinho toglie Maitland-Niles, Spinazzola e Kumbulla e butta dentro Karsdorp, Zalewski ed El Shaarawy. La Roma si getta subito in avanti e al 7’, dalla distanza, Cristante colpisce la traversa a portiere battuto. Il festival delle traverse giallorosse, stavolta scheggiate, si allora all’11’, sempre con Pellegrini e ancora da fuori area: Venezia fortunato. I padroni di casa spingono, il Venezia, in inferiorità numerica, stringe i denti ma a forza di spingere, la Roma pareggia; ancora duello Pellegrini-Maenpaa, il portiere finlandese è miracoloso ma la sfera arriva sui piedi di Shomurodov che scaraventa in porta l’1-1 al 31’. E per come stanno andando le cose, il pari è meritato. E si rischia ancora dalle parti di Maenpaa; Zalewski si accentra da sinistra e appena dentro l’area, spara una botta leggermente toccata dal portiere del Venezia, la palla si stampa di nuovo sulla traversa e rimbalza dentro al campo. Nel recupero, Maenpaa è miracoloso ancora su El Shaarawy, che calcia a botta sicura a pochi centimetri dalla porta.

In contropiede il Venezia rischia di beffare i capitolini ma Smalling salva su Haps. Brivido finale, Sozza attende il controllo del Var per un possibile fallo di mano in area veneziana nell’azione precedente ma finisce la gara. Ed è pareggio.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Marmolada, ecco il video del crollo della colonna di ghiaccio

Risotto integrale al limone con crudo di gamberi e pomodorini al timo

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi