Vittoria sudata per la Robeganese decidono Pozzebon e Sartori

SALZANO

Vince la Robeganese Fulgor. Ma quanta fatica. E non senza rischi. Perché i ragazzi di Soncin devono aspettare l’ultimo quarto d’ora per superare la penultima della classe, che nel complesso non ha demeritato e aveva avuto pure delle opportunità per il vantaggio. Invece come spesso capita, se non si concretizza poi dall’altra parte ti puniscono e stavolta è andata più o meno così.


La gara non è stata bella, fatta di tanti errori e pochi spunti. Soncin punta su un 4-4-2, con Bezze e Sartori larghi a fare la spola sulle rispettive fasce, che gli consentono di trasformarlo in un 4-2-4. Dall’altra parte, Grandini piazza Velardi a fare movimento tra centrocampo e attacco, mentre Fior spesso si abbassa per portare la linea di difesa a cinque.

Il primo tempo è stato modesto, senza vere occasioni sino agli ultimi minuti, quando il San Giorgio in Bosco prova a fare qualcosa in più, ma prima Corasaniti è bravo a chiudere su Pedrozo, poi lo stesso attaccante ospite appoggia verso la porta a estremo difensore saltato, ma Ginocchi salva all’utimo. Le idee sono poche, i portieri, specie Gallo, passano gran parte del tempo a osservare gli altri e domina la noia.

Di certo, dalla Robeganese Fulgor ci si aspettava di più, ma davanti né a Tobaldi né a Pozzebon arriva un pallone che sia degno di nota. Logica vuole che sia 0-0, anche se i padroni di casa lamentano un contatto in area fra Tobaldo e Lebran, ma Rosini non lo giudica da rigore. Anche il San Giorgio in Bosco, nel corso della partita, ha qualcosa da ridire su episodi dalle parti di Corasaniti senza che l’arbitro intervenga. Nella ripresa Soncin inverte Bezze e Sartori però il risultato non cambia. Quest’ultimo ha un paio di buone opportunità e le spedisce fuori. Un po’ alla volta, la Robeganese Fulgor inizia a prendere quota e a creare dei grattacapi a Gallo: prima il portiere ospite è salvato sulla linea dal compagno Segato, dopo un colpo di testa di Bonotto successivo a un’azione da corner; poi Ginocchi schiaccia sempre di fronte e la sfera esce di poco. Al terzo tentativo i padroni di casa sbloccano la gara. Sempre di testa. Un cross di Sartori è sporcato da un difensore ospite, la palla s’impenna e Pozzebon fa secco Gallo scavalcandolo. Ora la Robeganese Fulgor è più sciolta, gli ospiti non reagiscono. Così Sartori fa tutto da solo e da fuori area pesca l’incrocio per il 2-0. —

Alessandro Ragazzo

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Val d'Ega imbiancata: le ferite ricucite di Vaia

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi