«Umana, devi migliorare tanto soprattutto nella fase difensiva»

Coach Romano non è soddisfatto della gara di Lucca nonostante il successo all’overtime. Ieri è iniziata la “campagna” di Russia 

SERIE A1 FEMMINILE

Bella e spumeggiante in Eurolega, in affanno in campionato. Umana a double face in questo avvio di stagione, come era accaduto anche nella Final Four di Supercoppa.


A Lucca è arrivata la seconda vittoria, che permette al quintetto di Massimo Romano di volare in Russia con il sorriso, le note positive arrivano dalla leadership di Yvonne Anderson (28 punti, compreso il canestro dell’overtime, 8 rimbalzi) e dall’inserimento repentino di Kayla Thornton (21 punti, con 5/7 dall’arco, e 7 rimbalzi al PalaTagliate) con l’Umana che ha rischiato la “vendetta” sportiva di Giulia Natali, lo scorso anno nel roster orogranata (27 punti, 6/9 da 2 punti e 5/5 dal perimetro).

«Sapevamo che sarebbe stata una partita difficile», ha spiegato coach Massimo Romano, «il PalaTagliate è sempre un campo ostico e Lucca ha disputato una grande partita, con ottime percentuali, e questo va detto perché ci sono anche i meriti delle avversarie. Da parte nostra, dobbiamo aumentare l’intensità difensiva perché se non difendiamo e non siamo aggressive, poi incontriamo difficoltà a giocare a campo aperto. La chiave sta sempre nella difesa, negli uno contro uno e nel pick-and-roll».

Umana che ha rischiato di perdere a Lucca. «L’inizio non è stato nemmeno tanto malvagio, l’impatto è stato buono, male nel secondo quarto, che è stato il peggiore, e poi l’inizio del terzo. Piano piano siamo riusciti a riacciuffare la partita, giocando spesso con un quintetto piccolo, adattandoci a Lucca, agganciando poi l’overtime con le unghie. Nel prolungamento la squadra è stata brava a difendere, trovando soluzioni migliori in attacco. Dobbiamo comunque migliorare tanto, soprattutto in difesa».

Ieri è iniziata la “campagna” di Russia dell’Umana con il trasferimento a Milano Malpensa, da dove all’ora di pranzo le orogranata voleranno verso Mosca Sheremetyevo, tappa intermedia del lunghissimo viaggio verso Ekaterinburg, bissando l’esperienza di due anni fa. L’Umana rimarrà ferma nello scalo russo per quasi 5 ore, in attesa del volo per Ekaterinburg, città degli Urali, 1. 667 chilometri a est della capitale con quasi un milione e mezzo di abitanti e una squadra di basket femminile che sta dominando da anni la scena europea grazie a investimenti milionari (6 edizioni di Eurolega vinte, l’ultima la scorsa primavera, 4 SuperCup e 12 titoli nazionali), quest’anno ha aggiunto Alex Bentley, Breanna Stewart, Shilova e Vadeeva.

Astou Ndour (soltanto 1’40” in campo) ha iniziato con il “botto” la serie finale per il titolo Wnba; Chicago Sky (testa di serie numero 6) ha espugnato (91-77) il Footprinter Center di Phoenix con un secondo quarto da 26-10, domani gara-2 sempre in Arizona.

Quando sarà a disposizione di coach Romano, sarà un’addizione importante per l’Umana. —

M.C.

Video del giorno

Halloween a tavola: afrodisiaca e antispreco, cosa c'è da sapere sulla zucca

Grano saraceno al limone e rosmarino con rana pescatrice croccante su crema di sedano rapa

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi