Contratto triennale per Peretz: sarà il big del Venezia in Serie A

Arrivata la firma sul contratto con il centrocampista israeliano: ingaggio totale da tre milioni di euro. Poggi: «Giocatore diverso da Maleh, ha corsa e tiro»

MESTRE. Da Tal Banin a Dor Peretz, la Serie A italiana accoglie un altro israeliano, dopo l’annuncio del Venezia con il contratto triennale sottoscritto solo ieri, dopo aver superato le visite mediche, dall’ex centrocampista del Maccabi Tel Aviv.

Tal Banin è stato il primo giocatore israeliano a giocare nella Serie A italiana, chiamato dal Brescia nel 1997, anche lui centrocampista e Nazionale, con le rondinelle lombarde rimane tre stagioni, la prima in Serie A, senza lasciare ricordi indelebili (81 presenze e un gol). Come per Peretz, anche per Tal Banin ci fu il Maccabi Tel Aviv, squadra dove si trasferì dopo il triennio italiano.

Il trasferimento di Peretz al Venezia è stato enfatizzato dai media israeliani secondo i quali il ventiseienne centrocampista di Hod HaSharon, a 15 chilometri dalla capitale, percepirebbe un ingaggio di 900 mila euro la prima stagione in arancioneroverde, un milione la seconda e 1,1 la terza.

IL SALUTO AGLI EX COMPAGNI

Dor Peretz ha anche salutato con un lungo messaggio la sua ex squadra nel suo profilo Instagram. «Sono arrivato al Maccabi Tel Aviv a 14 anni, è stata la mia seconda casa, dove ho assimilato il “maccabismo”, valori come umiltà e modestia, rispetto per ogni persona e per il gruppo, avere responsabilità e dare sempre tutto in campo. È arrivato il tempo di spiccare il volo per migliorarmi».

Dor Peretz è stato accompagnato in Italia dal suo agente Avi Nemani, che aveva ricevuto offerte anche dalla Germania (Werder Brema, Amburgo, Shalke ed Herta Berlino), dalla Russia (Cska Mosca e Sochi), dalla Grecia (Paok Salonicco) e dall’Ungheria (Ferencvaros), visto che Dor Peretz era in scadenza di contratto, tutti club superati dal Venezia che è entrato in scena nelle ultime due settimane.

LO SCAMBIO

Per un centrocampista che se ne va, Youssef Maleh, un altro che arriva, Peretz, con l’israeliano che subentrerà all’italo-marocchino nel sistema di gioco di Paolo Zanetti. «Sono due giocatori completamenti diversi», ha spiegato il responsabile dell’area tecnica Paolo Poggi, «anche perché Peretz ha tre anni in più, ha una gran corsa, un buon tiro e sa lanciare bene i compagni in verticale, può giocare in un centrocampo a due o come mezzala in un centrocampo a tre. Ci serviva un giocatore a centrocampo con le sue caratteristiche e non per sostituire Maleh».

COUNTDOWN PER FERRARA

Prosegue il countdown verso il 21 giugno, data entro la quale il Venezia deve inoltrare alla commissione Criteri Infrastrutturali della Federcalcio la documentazione relativa allo stadio da gioco e in quella documentazione figurerà il Paolo Mazza di Ferrara. Accordo raggiunto con tutte le istituzioni della città estense (Spal, amministrazione comunale, prefettura e questura), deve ancora arrivare in viale Ancona il documento firmato da aggiungere alla documentazione.

Video del giorno

Un capriolo tra gli ombrelloni a Bibione, ecco il video

Frittata con farina di ceci e zucchine

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi