Panathlon, valanghe di premi uno particolare a Bocalon

All’ex saltatrice Sara Simeoni è stato assegnato lo Sport Award 

l’evento

Grande festa al teatro Goldoni per il Panathlon day. Il tutto è stato organizzato dal sodalizio del centro storico per premiare studenti, atleti, tecnici, dirigenti, società sportive e istituzioni. Una festa particolare perché quest’anno il Panathlon club di Venezia festeggia i 70 anni, come ha sottolineato il presidente Giuseppe Zambon. Moltissimi i premiati tra i quali la campionessa di salto in alto Sara Simeoni che ha ricevuto il Venice Panathlon sport Award. «Mi complimento con i ragazzi che vengono premiati. Lo sport è importante ed è fondamentale che faccia parte del vostro quotidiano».


Un premio speciale per una carriera sempre ai vertici, per il grande attaccamento alla maglia arancioneroverde e infine come autore della rete che ha posto il sigillo sulla promozione del Venezia in Serie A è andato a Riccardo Bocalon «Sono onorato di questo premio», ha commentato il centravanti della Tana, «noi siamo d’esempio per chi ci guarda e nel nostro piccolo rappresentiamo Venezia. Il segreto della nostra promozione? Il gruppo, gli stimoli e le motivazioni che hanno sopperito al gap tecnico. Sono sicuro che questo sarà importante anche per la prossima stagione».

A Paolo Poggi, ex giocatore e ora responsabile dell’area tecnica del Venezia calcio è invece andato il premio Fair Play alla carriera.A Sauro Corò dei Black Lions Whelheer è stato, invece, assegnato il premio Fair Play alla promozione. Il 35º premio Mario Viali è stato consegnato alla memoria a Massimiliana Martini, recentemente scomparsa e per molti anni anima del club. Il 4ºconcorso letterario Memorial Alfredo Borsato ha visto la vittoria di Camille Rossetto e Camilla Nalesso. Un premio che quest’anno ha visto una grande partecipazione. I premi studenti/atleti sono infine stati assegnati a Aurora Zaja, Massimo Palomba, Francesco Valerosi e Greta Collini. Nicolò Collini è stato invece premiato come partecipante più giovane. Riconoscimenti speciali sono andati alla Dielleffe scherma per i 50 anni di attività e all’associazione cronometristi che ha festeggiato i 70 anni. Tra i presenti anche Giorgio Costa, presidente del distretto italia del Panathlon, il vicesindaco Andrea Tomaello e il vicesindaco del Cortina d’Ampezzo Luigi Alvera. La cerimonia si è chiusa con la consegna del Chiesa Award a Luca Ginetto. —

Laura Bergamin

Video del giorno

Egitto, per la prima volta l'arte contemporanea in mostra ai piedi delle Piramidi di Giza

Torta di grano saraceno con mirtilli e mele

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi