L’Union Clodiense passa sul campo del Chions e ora sogna da grande

Punti pesanti a Pordenone contro un avversario in ripresa Decide un gol di Melandri. I granata sono terzi in classifica

chions

L’Union Clodiense continua la sua rincorsa al primo posto. Iniziata con l’arrivo di Andreucci ad ottobre, la rimonta granata sta trasformando una stagione che sembrava nata sotto una cattiva stella, in una che può regalare grandi soddisfazioni al team di Chioggia, ora terzo a 37 punti, a meno 6 dalla vetta.


Lo 0-1 con cui l’Union Clodiense supera i pordenonesi del Chions è una vittoria importante. I gialloblù padroni di casa - ultimi con 13 punti e a secco di vittorie in casa da due mesi - sono in difficoltà. Ma arrivavano da un grande momento, dopo essersi sbloccati con due vittorie nelle ultime due partite. Una condizione psicofisica positiva, quella dei friulani di Rossitto, che è apparsa evidente anche nel corso della gara, con la squadra che è riuscita spesso a bloccare la manovra ospite.

la cronaca

Nei primi 45’, l’Union Clodiense ci prova solo una volta con un sinistro di Martino, scoccato al termine di una bella serpentina, che finisce fuori. L’occasione più limpida ce l’ha, però, il Chions. Su un calcio d’angolo dalla sinistra, alla mezz’ora, Tuniz spizza di testa ma sul secondo palo Tomasi non punisce la retroguardia ospite. Nella ripresa, al 10’, Variola obbliga Amatori a una bella parata su un tiro da fuori e, al 13’, sugli sviluppi di un corner, nessuno corregge in porta una deviazione aerea di Urbanetto, che attraversa tutta l’area piccola. Due occasioni sprecate che il Chions paga poco dopo. Al 22’ Djuric fa le prove per lo 0-1 con un tiro dal limite che finisce fuori di poco. Due minuti più tardi, gli uomini di Andreucci sbloccano il match: Martino, in proiezione sulla destra, mette in mezzo per Melandri, che anticipa tutti e gira di testa all’angolino. Un gol splendido, il sesto in campionato per l’attaccante classe ’88. I granata a quel punto si coprono bene e portano a casa 3 punti senza soffrire, se non per un tiro di Valenta rimpallato. Un terreno di gioco non al top e un avversario motivato non sono bastati a fermare un’Union che si issa al terzo posto e non può più nascondersi. In un campionato equilibrato e destinato a restare in bilico fino alla fine, la capacità di saper soffrire e centrare vittorie sporche e di carattere come quella ottenuta dai ragazzi di Andreucci in terra pordenonese fa ben sperare l’ambiente granata: l’Union Clodiense punta concretamente ai piani più alti della classifica. —

Pancake di ceci con robiola e rucola

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi