Volpara al Real Martellago Tamai: Avevamo bisogno di una punta esterna»

Martellago

Si arricchisce ancora il mercato del Real Martellago. Dopo Alessandro Tamai, ecco per il reparto offensivo l’annuncio del neo acquisto Emanuele Volpara, trequartista, classe 1987, genovese, una carriera iniziata nelle giovanili del Genoa sino all’esordio in serie B, poi in serie C/1 (Lucchese e Alessandria), C/2 (Carrarese), serie D (Acqui Calcio, Chiavari, Montebelluna, Verbania e Giorgione) ed Eccellenza (Montecchio, Pozzonovo, Borgoricco, Belfiorese e Arcella). Un rinforzo cercato e voluto proprio dal neo allenatore gialloblù.


«Era necessario intervenire per sostituire Roberto Morandi e il classe 2000 Okoly che sono andati via prima del mio arrivo, con un giocatore con le caratteristiche da seconda punta, punta esterna o trequartista», commenta Tamai, «di questa squadra molti giocatori li conosco, vi ho giocato contro o li ho allenati. E Volpara è uno di quelli di cui so le capacità. Quindi, quando ho saputo che era svincolato, ricordandolo ai tempi del Montebelluna, Giorgione e Arcella, ho subito dato indicazioni di buttarsi su questo giocatore, un atleta che può farci fare il salto di qualità con caratteristiche tecniche e soprattutto umane che possono fare la differenza. Ne ho sentito parlare molto bene dai colleghi che lo hanno avuto in rosa, e poi ho potuto scambiare due battute con lui prima dell’ufficialità, telefonicamente. Ed è venuto fuori un ragazzo che risponde alle qualità che prediligo, quelle umane, perché prima di tutto bisogna essere uomini, soprattutto nel momento che stiamo vivendo». L’uomo giusto al posto giusto. «È il giocatore che ha quelle capacità che possono andare bene per il calcio come lo intendo io. Il suo è stato il primo nome che ho fatto quando la società mi ha detto che stava cercando un attaccante e io e Marcello Benedetti abbiamo convenuto fosse la mossa giusta». —

Alessandro Torre

Focaccia integrale alla farina di lenticchie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi