Bocalon, il gol dell'ex. Venezia sfata la "maledizione Penzo"

Bocalon segna la rete dell'1-0 allo stadio Penzo

La punta di Castello ha segnato la rete decisiva che permette agli arancioneroverdi di battere la Salernitana

VENEZIA. Il Venezia sfata finalmente il tabù dello stadio Penzo, e trova il primo successo stagionale casalingo contro la Salernitana. Finisce 1-0 grazie al gol di Bocalon in chiusura di primo tempo, in una partita carica di significati.

Il Venezia perse infatti sul campo la Serie B (sul campo prima del ripescaggio) nella passata stagione, proprio al Penzo, nello spareggio contro i campani del giugno scorso, e ora guidati dall’ex Ventura in panchina. E la rete decisiva è arrivata da Bocalon, che la maglia della Salernitana l’ha vestita fino al gennaio scorso.

Il primo tempo ha visto i campani ben organizzati e in superiorità numerica in mezzo al campo. Ma anche pericolosi in attacco, con Giannetti che ha colpito la traversa al 4’ e ha scheggiato il palo invece al 33’. In precedenza, per fuorigioco, gli è stato annullato anche un gol (8’). Il Venezia ha cercato di costruire dalle fasce, ha trovato la conclusione con Capello al 20’ ma Micai ha avuto ottimi riflessi.

Poi il gol del vantaggio (43’) con un’azione manovrata da Di Mariano e Capello, e finalizzata da Bocalon. Nella ripresa di gioco e spettacolo se n’è visto ben poco. Ci si aspettava una reazione convinta degli ospiti, che però non è arrivata.

Il Venezia ha gestito bene il pallone, al 10’ ha chiesto un rigore ma neppure le immagini televisive hanno chiarito al meglio l’episodio. Giannetti ha impegnato Lezzerini al 41’ con una deviazione di testa da corner, ma il risultato è rimasto invariato. Un buon Venezia e, alla fine, quel che conta sono i tre punti ottenuti, importantissimi per proseguire la risalita della classifica.

Simone Bianchi 

Video del giorno

Il concerto di Hendel alle Cinque Torri di Cortina

Frittata con farina di ceci e zucchine

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi