Bertolini: «Il Porto in vetta? Facciamo un bel calcio»

PORTOGRUARO. Di nuovo in vetta: il Portogruaro riassapora il primato, seppur condiviso con il Portomansuè, dopo la vittoria per 1-0 contro il Real Martellago e il contemporaneo pareggio dei trevigiani. Cinque vittorie e un pareggio: non male per una neopromossa, anche se la società granata ha operato massicciamente sul mercato per essere ancora protagonista. Il presidente Andrea Bertolini si è espresso così a fine partita: «Il bilancio dopo sei partite va oltre le attese. Questo è un campionato davvero equilibrato: ogni domenica nasconde insidie, vedi i pareggi di Sandonà e Portomansuè e il nostro combattuto 1-0 col Martellago. Va detto comunque che nel primo tempo avremmo potuto segnare ancora: la squadra è capace di fare un calcio bellissimo, come in occasione del gol di De Anna. Stiamo cercando equilibri consolidati».

Sulla questione tattica si è soffermato Andrea De Cecco, ancora imbattuto dal febbraio dell'anno scorso, allorchè smise di giocare, prendendo il posto del dimissionario Vittore, pure lui imbattuto): «Da un paio di domeniche siamo cambiati: definirei il nuovo modulo col doppio trequartista. In questo modo ho più inserimenti in area, alternativi alle conclusioni di Maccan. Dall'altro lato perdiamo in ampiezza di gioco e crossiamo di meno, puntando sulle giocate basse e veloci. Nel complesso, comunque, è una squadra più coperta. Il Martellago nel secondo tempo ha sì attaccato, ma senza tirare seriamente in porta».


Aggancio in vetta: e ora? «Domenica a Volpago sarà l'ultima partita contro una pericolante, poi arriverà la raffica degli scontri diretti, fino al 24 novembre, fra le prime quattro in classifica. Poi capiremo meglio i valori in campo». —

Gianluca Rossitto

Video del giorno

Il concerto di Hendel alle Cinque Torri di Cortina

Frittata con farina di ceci e zucchine

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi