Paleari: «Con il calcio vorrei far smettere di lavorare mio padre»