La Julia Sagittaria fa suo il derby contro un pigro Caorle La Salute

Mister Tomasello, salvezza a portata di mano: «Ragazzi determinati e tattici» L’amarezza di Giro: «Passo indietro, domenica dobbiamo cambiare mentalità»

CONCORDIA SAGITTARIA. La Julia Sagittaria è ancora viva: la squadra nerazzurra vince 2-0 il derby casalingo contro il Caorle La Salute, dimostrando di credere ancora nella salvezza. La squadra di Moreno Tomasello (alla prima vittoria della sua gestione) ha voluto i tre punti di più dell'avversario, parso probabilmente pago della posizione d'alta classifica.

Importante il rientro di Grotto a centrocampo, mentre Thiandoume è stato arretrato nella posizione di terzino sinistro, e Zanotel ha coperto l'insolito ruolo di esterno alto offensivo. Bene la coppia d'attacco El Khayar-Segatto, autori dei gol e di una prestazione molto generosa e dispendiosa. Il Caorle La Salute, sotto lo standard ottimale del girone di ritorno, ha avuto due grandi occasioni, una per tempo, sprecandole davanti a Bardella. Nel mezzo una prestazione che aveva il sapore del fine stagione.


La giornata di caldo estivo ha condizionato in parte l'andamento del match. La Julia sale a 24 punti, ma resta terzultima, a 3 punti dalla salvezza. La squadra di Tomas Giro conserva il quarto posto platonico, visto che nel girone D non si disputeranno i play off.

Cronaca

Al 1' maxi palla gol per i locali, con El Khayar che scaglia il destro, deviato in angolo a fil di palo da Rubin. 8', litoranei vicini al vantaggio: cross di Daneluzzi dalla destra, De Freitas svetta tutto solo, ma di testa schiaccia il pallone con troppa forza, mandandolo sopra la traversa. Al 17' si sblocca il match: palla filtrante per El Khayar, in grande spolvero, che va via palla al piede, Comin lo perde troppo mollemente, e per l'attaccante è facile superare Bavena con tocco sotto. C'è spazio pure per un bel pallonetto di Segatto, fuori di poco, e per un colpo di testa di De Fretitas, di poco fuori, su assist di Cester.

Nella ripresa le forze si equivalgono: la Julia, spronata a gran voce da Tomasello per tutto l'incontro, corre a tutto campo, lasciando poche iniziative agli ospiti. Al 15', bell'intervento di Bavena a mani aperte su legnata di sinistro di Zanotel. Al 22', la Julia raddoppia: triangolo stretto El Khayar-Segatto, quest'ultimo calcia d'esterno sotto rete, Comin intercetta e spiazza Bavena. Al 24' gli ospiti potrebbero riaprirla, quando De Freitas di prima intenzione fa sponda per l'ex Costantini, grande tiro, ma respinta strepitosa di Bardella. E la Julia conserva il 2-0.

Moreno Tomasello a fine match: «Squadra determinata, ma anche tatticamente ordinata. I ragazzi non hanno buttato via la palla, scegliendo spesso le giocate giuste. La vittoria è il meritato premio. Nelle ultime quattro partite dobbiamo giocare con lo stesso atteggiamento se vogliamo restare in Promozione». Thomas Giro: «Un passo indietro: siamo partiti col piede sbagliato, abbiamo portato troppo il pallone e ci siamo aiutati poco vicendevolmente. Avevo chiesto altro ai ragazzi. Domenica dovremo ripartire con la mentalità e la voglia dimostrate in altre partite». —

Gianluca Rossitto

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI

Tartellette di frolla ai ceci con kiwi, avocado e yogurt

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi