Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Marco Prete saluta Mestre Il 7 viene tolto dalle maglie

L’addioDi capitano ce n’è solo uno e Marco Prete del B.C. Mestre lo sarà sempre, anche se dalla prossima stagione giocherà in C Silver a Salzano. Tre anni con la “C” di capitano a referto, più altri...

L’addio

Di capitano ce n’è solo uno e Marco Prete del B.C. Mestre lo sarà sempre, anche se dalla prossima stagione giocherà in C Silver a Salzano.

Tre anni con la “C” di capitano a referto, più altri tre a partire dalla C regionale vinta nel 2012/13. Sei campionati con il numero “7” sulle spalle, sempre seduto allo stesso posto nello spogliatoio di Trivignano, 168 partite giocate e 932 punti realizzati più 598 rimbalzi. La maglia numero 7 almeno per il prossimo campionato non verrà assegnata. ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

L’addio

Di capitano ce n’è solo uno e Marco Prete del B.C. Mestre lo sarà sempre, anche se dalla prossima stagione giocherà in C Silver a Salzano.

Tre anni con la “C” di capitano a referto, più altri tre a partire dalla C regionale vinta nel 2012/13. Sei campionati con il numero “7” sulle spalle, sempre seduto allo stesso posto nello spogliatoio di Trivignano, 168 partite giocate e 932 punti realizzati più 598 rimbalzi. La maglia numero 7 almeno per il prossimo campionato non verrà assegnata. E la foto in cui Marco Prete di spalle saluta il suo pubblico a braccia alzate sarebbe bella come murales. «Per il bene del Mestre a fine campionato feci presente a Samuele Marton che avrebbe avuto il mio pieno appoggio nel caso non mi avesse scelto per la nuova squadra. Con la più totale serenità e sincerità abbiamo deciso di dividere le nostre strade», spiega Marco Prete. «Ho parlato con il presidente, con coach Fabio Volpato e lo staff per ricordare a loro che sarò il primo tifoso della squadra. Lascio lo spogliatoio in buone mani. Nicola Boaro, Gabriele Salvato e Luca Cucchi faranno ben capire ai nuovi arrivati il significato di giocare per Mestre. Ringrazio con il cuore in mano tutti i miei compagni di squadra degli ultimi sei anni, hanno accompagnato la quotidianità della mia vita. La società e tutti i tifosi, siamo stati insieme tanta roba». Che cosa sono significati sei anni con gli artigli del grifone? «L'elenco è lungo. La sofferenza di aver sfiorato due promozioni, la coppa Italia, vittorie dal sapore di impresa. Ma anche momenti dolorosi come l'operazione al ginocchio ed il lungo recupero. Dal punto di vista umano porterò con me molte amicizie sincere e l’affetto della gente di Mestre». —

Thomas Maschietto