Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Fabbri peso d’oro, oggi tocca a Rebecca Borga

Atletica. Una serie di interessanti risultati nei Giochi del Mediterraneo Under 23 in corso a Jesolo

JESOLO. Suona a tutto volume l’inno di Mameli dagli altoparlanti dello stadio “Picchi” nella prima giornata dei Campionati del Mediterraneo Under 23 di atletica leggera. Sui 18 titoli in palio di ieri, molti hanno il colore dell’azzurro come l’orizzonte nella splendida giornata di sole che ha baciato gli atleti e le atlete scese in pista e in pedana. Uno-due azzurro dalla pedana del peso, specialità che regala il primo oro tricolore. Il toscano Leonardo Fabbri si aggiudica la sfida con il r ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

JESOLO. Suona a tutto volume l’inno di Mameli dagli altoparlanti dello stadio “Picchi” nella prima giornata dei Campionati del Mediterraneo Under 23 di atletica leggera. Sui 18 titoli in palio di ieri, molti hanno il colore dell’azzurro come l’orizzonte nella splendida giornata di sole che ha baciato gli atleti e le atlete scese in pista e in pedana. Uno-due azzurro dalla pedana del peso, specialità che regala il primo oro tricolore. Il toscano Leonardo Fabbri si aggiudica la sfida con il reatino Sebastiano Bianchetti che si accomoda sul secondo gradino del podio a... nove centimetri dal fiorentino. Fabbri si prende l’oro con il terzo lancio di 19.40, Bianchetti arriva fino a 19.31, più staccato con 10,90 il greco Anastasios Lattiflari. La doppietta è di casa tra gli Under 23 azzurri ed ecco che nella marcia il piemontese di Trobaso di Verbania Stefano Chiesa vince in 41:09.10 staccando al traguardo lo spagnolo Bermudez e il livornese di bronzo Gianluca Picchiottino che chiude in 42:16.60. Una doppietta tira l’altra in casa Italia, una giornata fantastica per i ragazzi convocati da Stefano Baldini e il suo staff composto dal vice Tonino Andreozzi e la medaglia d’oro alle Olimpiadi di Los Angeles 1984 Gabriella Dorio. Le prime medaglie, cronologicamente parlando, sono arrivate dai martellisti Giacomo Proserpio e Tiziano Di Blasio, argento e bronzo nella gara vinta dal francese Yann Chaussinand. Proserpio, ventunenne di Mariano Comense, accarezza l’oro arrivando fino al lancio di 66.97. Tenendo a debita distanza l’avversario francese che alla terza prova è staccato di molto (66.48). Il transalpino si migliora nel quinto turno di lanci (68.93) che vale la medaglia assoluta. Nei 3000 siepi altro bronzo di colore azzurro. Il ventiduenne romano di origine egiziana Ahmed Abdelwahed, argento l’anno scorso agli Europei under 23, è terzo in 9’00.01 nella gara vinta dal francese Alexis Phelut in 8:55.89.

L’unica medaglia della giornata di provenienza veneta, viene dal femminile: la veronese Francesca Tommasi strappa il bronzo nei 5000. C’è grande attesa oggi per i colori veneziani. Rebecca Borga, atleta di Quarto d’Altino, correrà i 400 metri e visto che compirà domani vent’anni vorrà regalarsi un podio, correndo ovviamente con il suo motto “crederci sempre arrendersi mai”.

Thomas Maschietto