In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Nuovo San Pietro campione d’inverno

L’allenatore Cerilli: «Vinciamo e ci divertiamo, è la strada giusta»

1 minuto di lettura
SAN PIETRO IN VOLTA. Dopo il quarto posto ottenuto nella scorsa stagione, il San Pietro in Volta, oggi Nuovo San Pietro, nell'anno del suo 80° compleanno ha chiuso il girone d'andata, nel gruppo L di Seconda Categoria, al primo posto, laureandosi campione d'inverno con un punto di vantaggio sul Codevigo, rivale diretta per il salto di categoria. Tutti compatti, dalla società con in primis il presidente Giorgio Antiga, il direttore sportivo Gianpietro Scarpa ed il factotum Daniele Scarpa, alla squadra, condotta anche quest'anno da Franco Cerilli. Squadra composta da tutta gente del posto, «L'isola di Peter Pan, della felicità» ci scherza sopra lo stesso Cerilli, con un solo “straniero”, il chioggiotto Johnny Garbin. Il capocannoniere è Alessandro Vianello con 8 reti, ma è lo spirito di squadra che ha portato il San Pietro così in alto. «C'è il giusto entusiasmo» spiega Cerilli« ma soprattutto un grandissimo carattere ed un forte attaccamento alla maglia. Stiamo esprimendo un buon calcio, che sposa la mia filosofia del divertirsi facendo divertire gli altri. Possiamo fare meglio ma direi che siamo sulla buona strada».

Il San Pietro in Volta manca dalla Prima Categoria da parecchi anni e sarebbe davvero un bel regalo alla società per i suoi primi 80 anni di storia. «E noi faremo di tutto per raggiungere l'obiettivo. Abbiamo un antagonista molto forte che è il Codevigo, ma sarebbe importante anche staccare la terza di sette punti, perché a quel punto basterebbe anche il secondo posto: ovviamente però ci piace vincere. Stiamo raccogliendo i frutti seminati l'anno scorso quando, in realtà, siamo stati sfortunati avendo trovato nel girone due corazzate, però il lavoro fatto, anche nel settore giovanile con allenatori del calibro di Daniele Vianello e Andrea Ghezzo, è stato straordinario». La gente ci crede e la domenica riempie la tribuna. «Abbiamo sempre 350 persone che ci vengono a vedere, per non deluderli nel girone di ritorno» conclude Cerilli « dobbiamo rimanere concentrati. Ma se penso che questi ragazzi hanno preferito gli allenamenti alle vacanze, non ho dubbi».

Daniele Zennaro

I commenti dei lettori