Andrea Tarlao, una storia di titoli e record

Ciclismo. Nato a Gorizia ma portacolori della Sorgente Pradipozzo, nome di spicco del team azzurro

PORTOGRUARO. Due volte campione del mondo a cronometro, innumerevoli partecipazioni agli appuntamenti internazionali del quadriennio che lo ha portato fino a Rio de Janeiro. Bronzo anche ai Mondiali di Nottwill dello scorso anno nella cronometro e su strada, fino al record dell'ora stabilito a Montichiari. Andrea Tarlao va alle Paralimpiadi per conquistarsi una medaglia e coronare così una carriera esemplare per impegno e palmares. Ciclista nato a Gorizia l'8 gennaio 1984, è in forza alla Sorgente Pradipozzo con la quale ha ottenuto molti dei suoi successi più prestigiosi, ma è anche tesserato per le Fiamme Azzurre. Nella categoria paralimpica Andrea Tarlao ci rientra a causa delle complicazioni subite alla nascita, per una paresi osteale accompagnata dalla rottura dello scafoide e dell'omero, e da una lesione del plesso brachiale del braccio sinistro. Viene schierato quindi nella categoria C5 del ciclismo ed è una pedina fondamentale per la nazionale paralimpica guidata dal commissario tecnico Mario Valentini. Dopo tanta fisioterapia e riabilitazione, adesso Tarlao riesce a fare solo alcuni movimenti ma non ha più sensibilità al braccio. Salire in bicicletta è stato naturale visto che sia papà Riccardo, con un brillante passato tra i dilettanti, che mamma Marina, ex commissario di gara della Federazione ciclistica italiana, gli hanno trasmesso la loro passione. E le due ruote sono state per lui una passione scoperta fin da piccolo. Il suo esordio in Nazionale è del 2010. Un inizio incredibile che dimostra da subito la stoffa del campione: partecipa ai Mondiali di Baie Comeau in Canada e conquista la sua prima medaglia d'oro nella cronometro. Risultato che replica anche l'anno dopo ai Mondiali di Roskilde in Danimarca. Nel 2012 partecipa a quelli di Los Angeles e continua a collezionare medaglie: un argento nella gara su pista nello scratch e una di bronzo nell'inseguimento. Arriva così anche la convocazione azzurra per le Paralimpiadi di Londra 2012. Nella gara su strada si classifica decimo e nella prova a cronometro sfiora il podio di un soffio, dovendosi accontentare della famigerata medaglia di legno, quarto posto. Poi tanti altri successi e piazzamenti di prestigio che lo hanno portato al record dell'ora e alla possibilità di prendersi la rivincita alle Paralimpiadi di Rio, con quel podio che ancora gli manca. (s.b.)

Video del giorno

Le prove del Rigoletto alla Fenice, in scena dal 29 settembre

Granola fatta in casa

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi