Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Calvi Noale-Mestre finisce 1-1 E alla fine tutti soddisfatti

NOALE. Un pareggio che lascia immutate le cose, situazione di classifica e bilanci di fine stagione. Senza nessun altro obiettivo da raggiungere anche qualsiasi altro risultato oltre all’1-1 del...

NOALE. Un pareggio che lascia immutate le cose, situazione di classifica e bilanci di fine stagione. Senza nessun altro obiettivo da raggiungere anche qualsiasi altro risultato oltre all’1-1 del derby tra Calvi Noale e Mestre non avrebbe cambiato le opinioni dei protagonisti chiamati a giudicare il campionato quasi concluso. «Abbiamo fatto una prima parte di stagione girando a 29 punti, oltre ogni aspettativa» sottolinea Giovanni Soncin, tecnico della Calvi Noale, «era quasi scontato che ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

NOALE. Un pareggio che lascia immutate le cose, situazione di classifica e bilanci di fine stagione. Senza nessun altro obiettivo da raggiungere anche qualsiasi altro risultato oltre all’1-1 del derby tra Calvi Noale e Mestre non avrebbe cambiato le opinioni dei protagonisti chiamati a giudicare il campionato quasi concluso. «Abbiamo fatto una prima parte di stagione girando a 29 punti, oltre ogni aspettativa» sottolinea Giovanni Soncin, tecnico della Calvi Noale, «era quasi scontato che avremmo pagato nella seconda parte pur totalizzando altri 19 punti. Comunque chiudere con la salvezza a sei partite dalla fine è un ottimo risultato».

Lucida anche l’analisi di Francesco Feltrin, allenatore del Mestre. «L’unico rammarico è quello di non aver potuto completare il lavoro avviato a inizio stagione. Ma quando si inizia con un intento e questo, per l’evolversi della situazione, cambia in corsa, è difficile riuscire a raggiungerlo».

La palla passa, quindi, ai presidenti che guardano alla stagione con due punti di vista differenti. «Riporre la fiducia sul gruppo che veniva da una stagione straordinaria ci ha ripagato» esordisce Marco Del Bianco, patron dei bianazzurri noalesi «abbiamo forse pagato la prima parte entusiasmante, perché il girone di ritorno è stato sofferto, ma quando c’è stato da tirare fuori i denti, i ragazzi hanno mostrato il carattere. Non possiamo però far altro che ringraziare mister, ds e giocatori per il loro contributo».

«Mi ritengo soddisfatto» chiude il numero uno mestrino Stefano Serena, «anche se non abbiamo raggiunto l’obiettivo dei playoff, traguardo solo morale perché non permette la promozione. Adesso puntiamo come sempre a migliorarci, stagione dopo stagione, sfruttando questa prima esperienza in serie D. Siamo una matricola e va bene così, ma lo era anche il Venezia in questa categoria. Cosa hanno più di noi? La capacità di vincere e uno stadio, noi non ancora».

Alessandro Torre