In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
PROVA

Argentina, il tango di Messi ubriaca la Polonia 2-0. Entrambe agli ottavi grazie alle parate di Szczesny. Il Messico batte l’Arabia Saudita ma non basta

L’Albiceleste sblocca solo nel secondo tempo con Mac Allister e Alvarez. Mastica amaro la ‘Tricolor’ a cui non è bastata la vittoria per 2-1 contro

2 minuti di lettura

Creato da

(afp)

Missione compiuta: con una netta vittoria ai danni della Polonia, l'Argentina di Leo Messi si qualifica per gli ottavi di finale della Coppa del Mondo dove affronterà l'Australia. Le reti di Mac Allister e Alvarez scacciano l'incubo eliminazione per l'Albiceleste. Non è bastato un eroico Szczesny alla squadra polacca per evitare la sconfitta per 2-0, il portiere della Juve para un rigore a Messi e compie una serie di parate clamorose. I polacchi si qualificano comunque per gli ottavi grazie alla migliore differenza reti rispetto al Messico, con cui chiude in seconda posizione in classifica. Negli ottavi l'Argentina se la vedrà contro i Socceroos australiani, mentre la Polonia dovrà vedersela contro la fortissima Francia.

Mastica amaro la Tricolor a cui non è bastata la vittoria per 2-1 contro l'Arabia Saudita con le reti di Martin e Chavez. Dopo l'impresa con l'Argentina all'esordio, invece, proprio l'Arabia incassa la seconda sconfitta di fila e torna a casa.

Allo Stadium 974, il ct argentino Scaloni sceglie Julian Alvarez come unica punta al posto di Lautaro Martinez con Messi, Di Maria e Mac Allister alle sue spalle. Ancora in panchina Dybala. In mediana, confermati De Paul ed Enzo Fernandez. Nella Polonia, il ct Michniewicz si affida alla coppia offensiva formata da Swiderski e Lewandowski. In panchina lo juventino Milik. A centrocampo, spazio al 'napoletano' Zielinski mentre in difesa ci sono gli 'italiani' Glik, Kiwior e Bereszynski davanti a Szczesny.

Nel primo tempo, Argentina pericolosa subito con Messi che impegna Szczesny con un sinistro sul primo palo. Il portiere della Juve tiene letteralmente in partita la Polonia con una serie di super parate prima su un calcio d'angolo diretto in porta di Di Maria, poi su un sinistro di Alvarez e soprattutto intercettando a Messi un rigore concesso dal Var per un discutibile fallo dello stesso Szczesny sulla Pulce.

Il portierone polacco non può nulla, però, al 46' quando Mac Allister firma l'1-0 per l'Argentina con un destro all'angolino su assist di Molina. Immediata la reazione polacca con l'eterno Glik che sfiora il pari di testa. Ma è un fuoco di paglia, perché l'Argentina torna a rendersi pericolosa con Mac Allister. Il raddoppio dell'Albiceleste arriva al 67' firmato da Alvarez, con un bel destro da centro area. La Polonia è in balia dell'avversario e solo un super Szczesny la tiene in vita, fermando ancora Messi. Nel finale l'Albiceleste sfiora anche il terzo gol prima con Alvarez, poi con il neo entrato Lautaro e infine Tagliafico. Nell'occasione decisivo il salvataggio di Kiwior, difensore dello Spezia.

Arabia Saudita-Messico 1-2
Gara divertente e giocata a un ritmo frenetico anche quella tra Arabia Saudita e Messico. Gli arabi sono come sempre molto aggressivi, mentre il Messico gioca meglio la palla e già nel primo tempo sfiora più volte il gol con Pineda. L'Arabia Saudita a sua volta va vicino al gol con un colpo di testa di Al Birakan che finisce di poco a lato. Nella ripresa, il Messico accelera e dopo un'occasione fallita da Chavez passa in vantaggio al 47' con Martin in mischia su azione di calcio d'angolo. Dopo cinque minuti la squadra del Tata Martino trova anche il raddoppio con una splendida punizione mancina di Chavez dai trenta metri. La compagine messicana ha bisogno però di almeno un altro gol per la qualificazione e così continua a spingere. Tricolor più volte vicina al tris prima con Martin, poi ancora con Chavez su punizione, quindi con il 'napoletano' Lozano e con Antuna. In pieno recupero, però, con il Messico ormai tutto proteso in avanti l'Arabia accorcia le distanze in contropiede con Al Dawsari. Una rete che serve a poco alla squadra di Renard e che di fatto certifica l'eliminazione del Messico.

I commenti dei lettori