Contenuto riservato agli abbonati

«Entusiasmo e amore, Valeria Solesin era come il Sole. Nessuno vuole vendetta, ma serve giustizia»

Valeria Solesin, la ricercatrice veneziana di 28 anni morta nell’attentato del Bataclan, a Parigi

Attentati di Parigi, l’arringa dell’avvocato della famiglia veneziana. Il 29 giugno attesa la sentenza. La mamma Luciana: «Ci sarò»

VENEZIA. «Gli amici la chiamavano Sole, perché lei era così: piena di intelligenza, entusiasmo, amore. E diffondeva amore perché era circondata d’amore». In piedi, davanti ai giudici della Corte speciale, cercando di rispettare il minuto di tempo affidato ad ogni rappresentante di parte civile per raccontare le vittime, così l’avvocatessa Constance Dewavrin Lupinacci, per conto della famiglia, ha deciso di ricordare Valeria Solesin.

Video del giorno

Del Vecchio, nelle lacrime dei suoi dipendenti la storia di un'impresa italiana: "Era uno di noi"

Risotto integrale al limone con crudo di gamberi e pomodorini al timo

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi